La frequenza della nebbia e come è cambiata negli ultimi anni

La nebbia è composta di una moltitudine di microscopiche goccioline d‘acqua in grado di galleggiare nell’aria. Poiché esse diffrangono la luce in modo omogeneo, la nebbia appare di una colorazione che può andare dal bianco al grigio. La nebbia è un fenomeno tipico dei mesi del semestre invernale, da ottobre a marzo, in particolare nelle zone pianeggianti a Nord delle Alpi. Un esempio tipico per la pianura è dato dalla stazione di Zurigo-Aeroporto, dove  d'autunno la nebbia la fa da padrone. In questa stazione, statisticamente, in ottobre ogni terzo giorno vi è della nebbia. Nelle regioni di montagna e sul versante sudalpino i giorni con nebbia sono rari, durante il periodo estivo addirittura inconsueti.

Nel grafico si nota il  numero dei giorni al mese con nebbia (media nel periodo 1981-2010). Sull’Altopiano, i mesi con più giorni di nebbia sono i mesi di ottobre e novembre.  In genere se si forma della nebbia sull’Altopiano fra il 20 novembre e il 20 dicembre essa difficilmente si dissolve durante il giorno (non indicato nel grafico).

Le regioni al nord delle Alpi, dove la nebbia è più frequente, sono approssimativamente le seguenti:

  • Sull’Altopiano a ovest del fiume Aare, partendo da Bienne fino alla confluenza con il Reno, con una zona tipica nel Canton Argovia
  • Lungo la valle della Reuss, a partire da Lucerna
  • Le valli del Wigger, Suhre e Wyna, le regioni attorno ad Hallwiler e al Baldeggersee
  • La Limmattal e la Glatttal
  • Le regioni circostanti il Lago di Costanza e lungo il fiume Thur

Queste regioni, per via della loro bassa quota, sono regioni che si trovano in nebbia anche quando il limite superiore di essa è molto basso (ad esempio tra 500 e 600 metri). 

Tenuto conto della quota del limite superiore, la distribuzione della nebbia è relativamente classica. Solo in corrispondenza della parte centrale dell’Altopiano la fascia nebbiosa è leggermente più stretta, rispetto allo standard. In queste situazioni la Svizzera nord-orientale rimane più o meno libera dalla nebbia. Immagine: NASA MODIS.

La frequenza della nebbia è diminuita negli ultimi 30 anni. Questo fatto non vale solo per l’Altopiano svizzero bensì lo si può estendere alla maggioranza delle altre regioni europee. Riferendosi alla stazione di Zürich / Kloten nel periodo 1995-2014, nei mesi autunnali da settembre a novembre, si sono osservati in media 25 giorni con nebbia. Durante il periodo 1971 – 1990 si osservavano invece in media 30 i giorni. Il trend alla diminuzione dei giorni di nebbia è riconoscibile anche nel seguente grafico, pur tenendo conto della classiche forti variazioni di anno in anno.

La tendenza alla diminuzione delle situazioni di nebbia è confermata anche da una ricerca condotta basandosi sulle osservazioni meteorologiche raccolte in diversi aeroporti europei. Essa ha dimostrato come i giorni in cui la visibilità orizzontale era compresa fra 0 e 8 km sono andati diminuendo negli ultimi 30 anni.

La diminuzione delle giornate con scarsa visibilità orizzontale, rispettivamente del numero di giorni con nebbia è, almeno in parte, da ricondurre al generale miglioramento della qualità dell’aria, con la diminuzione della concentrazione di tutta una serie di sostanze inquinanti,  fra cui il biossido di zolfo.