Ambito dei contenuti

Tredicesimo mese consecutivo globalmente più caldo

MeteoSvizzera-Blog | 10 luglio 2024
12 Commenti

Secondo i dati del servizio europeo Copernicus, mentre in Europa occidentale le temperature a giugno erano vicine alla norma, o addirittura localmente al di sotto, il pianeta ha vissuto il suo giugno più caldo, per una serie consecutiva di tredici mesi.

  • Clima

Piè di pagina

Navigazione top bar

Autorità federali svizzereAutorità federali svizzere

Il mese di giugno 2024, di caldo record, ha raggiunto una media complessiva di 16,66 °C.  Si tratta di 0,67 °C in più rispetto alla media 1991-2020 e di 0,14 °C in più rispetto al precedente record di giugno 2023. Questo è il tredicesimo mese consecutivo che risulta più caldo dall'inizio del set di dati Copernicus nel 1979.

Il mese è stato di 1,5°C più caldo della media preindustriale del maggio 1850-1900, rendendolo il dodicesimo mese consecutivo a raggiungere o superare la soglia di 1,5°C.  La temperatura media globale negli ultimi 12 mesi (luglio 2023 – giugno 2024) è la più alta mai registrata, con 0,76°C al di sopra della media 1991-2020 e 1,64°C al di sopra della media preindustriale 1850-1900.

Panoramica globale

Le temperature sono state superiori alla media nel Canada orientale, negli Stati Uniti occidentali e in Messico, nonché in Brasile, dove si è verificato un gran numero di incendi. L'India orientale ha subito ondate di calore, così come il Pakistan e la Corea, dove è stato registrato il giorno più caldo di giugno. Anche la maggior parte della Siberia settentrionale, del Medio Oriente e del Nord Africa ha registrato temperature superiori alla media, così come l'Antartide occidentale. Al contrario, temperature inferiori alla media sono state registrate nel Canada centrale, nella Russia orientale che circonda il Mare di Okhotsk, lungo la regione costiera dell'Africa nord-occidentale, nella Patagonia argentina, nelle parti settentrionali e orientali dell'Australia e in parti dell'Antartide orientale.

Il secondo giugno più caldo d'Europa

Nel giugno 2024, le temperature dell'aria erano ben al di sopra della media 1991-2020 nell'Italia meridionale, nell'Europa sud-orientale e in Turchia, a causa delle ondate di calore che si sono verificate a Cipro, Grecia e Turchia. Temperature superiori a 40°C sono state registrate in molti luoghi e Atene ha vissuto il suo giugno più caldo da quando sono iniziate le misurazioni nel 1860, mentre la Grecia ha vissuto il suo giugno più caldo dal 2010. La Serbia ha vissuto il suo giugno più caldo dal 1950 e anche la capitale Belgrado ha vissuto il suo giugno più caldo da quando sono iniziate le misurazioni nel 1888. Anche la maggior parte dell'Europa orientale e della Fennoscandia ha registrato temperature superiori alla media.

Al contrario, molte parti dell'Europa occidentale hanno registrato temperature vicine o inferiori alla media, tra cui Portogallo, Spagna, Irlanda e Regno Unito. Anche l'Islanda e una regione della Russia nord-occidentale, vicino al Mare di Kara, hanno registrato temperature inferiori alla media. In Francia, la temperatura a giugno è stata in linea con la norma.

La temperatura media in Europa per giugno 2024 è stata di 1,57°C superiore alla media 1991-2020 per il mese di giugno, rendendolo il secondo giugno più caldo mai registrato in Europa. Giugno 2019 rimane il giugno europeo più caldo mai registrato, con 1,87°C sopra la media.

Temperature dell'aria sugli oceani

Le temperature dell'aria erano superiori alla media sulla maggior parte degli oceani Atlantico e Indiano e su gran parte dell'Oceano Pacifico. Le temperature erano al di sotto della media nell'Oceano Pacifico equatoriale orientale e in diverse altre aree relativamente piccole, tra cui il Mare di Bering, e soprattutto nell'emisfero australe, in una regione vicina al Cile e all'Argentina che si estende nel Pacifico orientale subtropicale e nell'Oceano Indiano meridionale.

Temperatura record della superficie del mare per il mese di giugno

La temperatura media della superficie del mare per giugno 2024 tra 60° Sud e 60° Nord è stata di 20,85 °C, il valore più alto mai registrato per questo mese. Questo è il quindicesimo mese consecutivo in cui la temperatura della superficie del mare è stata la più calda dall'inizio del set di dati Copernicus nel 1979.

La figura 5 mostra che le temperature della superficie del mare hanno raggiunto valori record anche a giugno in gran parte dell'Oceano Atlantico (Nord Atlantico subtropicale, Sud Atlantico extratropicale, Atlantico equatoriale e Mar dei Caraibi). Queste temperature da record della superficie del mare nel Mar dei Caraibi potrebbero aver contribuito all'intensificazione eccezionalmente rapida dell'uragano Beryl, che è il primo uragano atlantico a raggiungere la categoria 5 sulla scala Saffir-Simpson all'inizio dell'anno.

Il Bollettino Copernicus di giugno 2024 è disponibile in inglese.

Giugno in Svizzera

In Svizzera, le temperature di giugno hanno spesso superato la norma 1991-2020 da 0,3 a 0,6 °C.  A livello locale, i valori sono addirittura saliti a 0,8 °C al di sopra della norma. Elm (GL) ha registrato 1,0 °C e Andermatt (UR) 1,3 °C al di sopra della norma. A sud delle Alpi i valori sono stati compresi fra -0,6 e +0,4 °C rispetto alla norma 1991-2020. In media nazionale, la temperatura a giugno ha superato di 0,4 °C la norma 1991-2020.

A seconda dell'attività temporalesca, la quantità di precipitazioni è variata notevolmente a giugno. A livello regionale, le quantità hanno raggiunto il 140-180% della norma 1991-2020. Ciò ha interessato la regione occidentale del Lago di Ginevra, una striscia da Sciaffusa al Lago di Costanza, nonché parti del Vallese, la parte orientale delle pendici settentrionali delle Alpi e le Alpi meridionali. Per contro, le precipitazioni sono rimaste al di sotto della media o solo leggermente al di sopra, soprattutto in vaste aree della Svizzera romanda e nei Cantoni dei Grigioni e del Ticino.

La panoramica completa di giugno 2024 in Svizzera è disponibile nella sezione Pubblicazioni.

Per un approfondimento sul versante sudalpino, si veda il relativo blog.