Rete di misurazione delle radiazioni

L’osservazione pluriennale dei flussi energetici di radiazione solare ed infrarossa termicatra l’atmosfera e la superficie terrestre è una componente fondamentale del monitoraggio del cambiamento climatico. MeteoSvizzera gestisce la rete svizzera di monitoraggio di radiazione per lo studio del clima alpino. Nelle stazioni di misura è misurata la radiazionealla superficie terrestre, dalla banda spettrale ultravioletta a quella infrarossa passando per la parte visibile dello spettro.

La rete svizzera di monitoraggio della radiazione solare e termica in ambiente alpino SACRaM (Swiss Alpine Climate Radiation Monitoring) è stata creata per l’osservazione pluriennale della radiazione ai fini della ricerca sul clima. La rete SACRaM comprende quattro stazioni: due si trovano nelle Alpi Svizzere, sullo Jungfraujoch e a Davos, e le altre due a quote più basse, a Payerne e a Locarno-Monti. La stazione di Payerne appartiene anche alla rete internazionale “Baseline Surface Radiation Network” (BSRN), la rete di misurazione di riferimento a livello mondiale per l’osservazione della radiazione alla superficie terrestre.

Tecnica all’avanguardia per misurazioni estremamente precise

Nell’immagine si vede la cupola astronomica sul tetto dell’edificio Sphinx. Alla sua destra un’installazione di misurazione alta tre metri con diversi radiometri, che misurano la radiazione solare globale, infrarossa e UV.
Gli strumenti della stazione della rete di misurazioni delle radiazioni sullo Jungfraujoch (3580 m slm) sono esposti alle intemperie. Gli strumenti che misurano la radiazione solare globale e la radiazione atmosferica sono installati su una struttura esterna (a destra nell’immagine). Sono dotate di sistemi di ventilazione e riscaldamento sviluppati da MeteoSvizzera. Gli strumenti che misurano la radiazione solare diretta utilizzando un sistema di “sun-tracker”, sono protetti da una cupola (al centro dell’immagine) che si apre quando le condizioni meteorologiche lo consentono. © MeteoSvizzera

La rete SACRaM segue le direttive delle reti di strumenti GAW (Global Atmospheric Watch) e BSRN e garantisce, grazie a una tecnica all’avanguardia, misure estremamente precise dei flussi energetici di radiazione in tre parti a banda larga dello spettro: la radiazione ultravioletta, la radiazione solare (principalmente nel visible e nell’infrarosso vicino) e la radiazione atmosferica nell’infrarosso termico. I parametri misurati sono:

  • la radiazione globale e diretta a lunghezze d’onda UV e visibili;
  • la radiazione diffusa a lunghezze d’onda UV e visibili (in determinate stazioni);
  • la radiazione visibile riflessa (a Payerne);
  • la radiazione termica infrarossa discendente;
  • la radiazione termica infrarossa ascendente (a Payerne);
  • la radiazione spettrale diretta per determinate lunghezze d’onda.

Ulteriori informazioni