Pericoli naturali: la Confederazione attiva il portale destinato alla popolazione

Data di pubblicazione 4 luglio 2014
Temi Tempo
Pericoli
Chi siamo
Tipo di comunicazione Comunicato stampa

Per la prima volta, un'unica rappresentazione cartografica integrata nel nuovo portale www.pericoli-naturali.ch consente di avere una panoramica della situazione dei pericoli naturali aggiornata per tutto il territorio nazionale. Su mandato del Consiglio federale, i servizi specializzati della Confederazione hanno sviluppato questo portale e in tal modo migliorato ulteriormente il sistema di allerta sui pericoli naturali.

Finora per informarsi, ad esempio, sulle condizioni meteorologiche in una giornata invernale caratterizzata da tempeste di neve e precipitazioni intense per recarsi senza problemi dal proprio domicilio al luogo di villeggiatura si dovevano consultare i siti di MeteoSvizzera, UFAM e SLF. Il portale www.pericoli-naturali.ch dei servizi specializzati della Confederazione rappresenta su un'unica cartina di facile comprensione la situazione dei pericoli naturali e le relative allerte: eventi meteorologici estremi, piene e smottamenti, terremoti, valanghe e pericolo di incendio boschivo. In aggiunta sono riportate raccomandazioni su come comportarsi prima, durante e dopo questi eventi naturali. In caso di situazioni particolarmente critiche, il cosiddetto bollettino sui pericoli naturali fornisce informazioni più dettagliate quali ad esempio una presentazione comune della situazione. Informazioni di base dettagliate possono continuare a essere consultate sui siti Internet dei singoli servizi specializzati.

La Confederazione migliora le misure connesse ai pericoli naturali

Secondo Bruno Oberle, direttore dell'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM), eventi naturali quali le piene non si possono prevenire, ma possono esserne ridotte le conseguenze. L'obiettivo del portale è garantire una buona informazione della popolazione, poiché «solo chi è ben informato può agire in modo responsabile e prevenire o ridurre i danni». Dalle piene del 2005, la Confederazione, in collaborazione con Cantoni e Comuni, ha attuato diverse misure in relazione ai pericoli naturali. È stata migliorata la procedura di allerta e di allarme, introducendo ad esempio sistemi di informazione destinati agli specialisti o la formazione di consulenti locali in pericoli naturali. Il portale sui pericoli naturali destinato alla popolazione è un'ulteriore tessera del mosaico di attuazione del rapporto OWARNA sul perfezionamento del sistema di allerta e di allarme in caso di pericoli naturali.

Peter Binder, direttore dell'Ufficio federale di meteorologia e climatologia (MeteoSvizzera), sottolinea il fatto che il portale è disponibile in tedesco, francese e italiano ed è accessibile anche ai non vedenti: «in caso di avvisi trasmessi via radio e televisione relativi a eventi naturali di notevole entità che minacciano la popolazione, raccomandiamo di consultare il sito www.pericoli-naturali.ch. Per tale ragione è essenziale che le informazioni siano accessibili a tutti». La praticità di utilizzo e la chiarezza sono state verificate nei minimi dettagli e ottimizzate in più fasi. Dato che un numero sempre maggiore di persone si collega a Internet tramite smartphone è stata elaborata anche una versione mobile del portale.
 

Collaborazione dei servizi specializzati

Christoph Hegg, direttore supplente dell'Istituto federale di ricerca per la foresta, la neve e il paesaggio (WSL) afferma che i prodotti elaborati congiuntamente quali le cartine possono essere integrati in un portale comune solo se alla base vi è un'ottima collaborazione. «Il portale è il segno tangibile verso l'esterno che i servizi specializzati della Confederazione (UFAM, MeteoSvizzera, SED, SLF-WSL e UFPP) hanno formalizzato e ottimizzato la loro collaborazione». In situazioni critiche, nell'ambito dello stato maggiore specializzato Pericoli naturali, i servizi specializzati coinvolti coordinano le loro previsioni e allerte ed emanano bollettini e comunicati stampa congiunti, che vengono pubblicati anche sul nuovo portale sui pericoli naturali.

Di regola non è possibile prevedere i terremoti. In caso di evento è quindi indispensabile disporre di informazioni affidabili sull'intensità, i possibili effetti e il comportamento raccomandato. In tal senso, Stefan Wiemer, direttore del Servizio sismico svizzero (SED) pone l'accento sul fatto che «nella fase di caos successiva a un terremoto di notevole entità è di capitale importanza per la popolazione inquieta disporre rapidamente di informazioni affidabili ed esaustive». Inoltre, dato che ad esempio il freddo o la pioggia potrebbe peggiorare sensibilmente la situazione delle persone evacuate o dei senzatetto è opportuno emanare dei bollettini sui terremoti tenendo conto della situazione globale dei pericoli naturali.

Informazioni dettagliate

Le allerte e le informazioni sugli eventi naturali continueranno a essere pubblicate anche sui siti Internet del rispettivo servizio specializzato. Su tali siti saranno disponibili come in passato informazioni di base dettagliate quali i valori misurati, le correlazioni scientifiche o le allerte per gruppi di destinatari particolari (p. es. agricoltori, canoisti, velisti o scialpinisti). Il portale sui pericoli naturali della Confederazione è invece destinato a tutta la popolazione. Per tale ragione vi partecipa anche l'Ufficio federale della protezione della popolazione (UFPP). «Quale ufficio di coordinamento per la protezione della popolazione, l'UFPP appoggia tutte le misure volte a rafforzare e a migliorare la collaborazione fra i partner coinvolti. Il portale sui pericoli naturali è un ottimo esempio di cooperazione riuscita fra diversi servizi specializzati», afferma Christoph Flury, direttore supplente dell'UFPP.