Ambito dei contenuti

Ritorno da Est

5 aprile 2020, 7 Commenti
Temi: Tempo

Oggi vogliamo descrivere una situazione tipica delle nostre regioni, chiamata “Ritorno da Est”

Solamente poche ore separano le due immagini. In quella di testa il cielo è coperto e l’atmosfera è grigiastra e triste, nella seconda il sole brilla e le nubi sono scomparse, anche se la visibilità è leggermente ridotta dalla presenza di caligine. Come si spiega questa evoluzione mentre sembra che la situazione generale, con la presenza monotona di un anticiclone, apparentemente non sia cambiata per nulla?
 

Visione ingrandita: Fig. 1: Cielo da Locarno-Monti verso il Gambarogno attorno alle 15:00.
Fig. 1: Cielo da Locarno-Monti verso il Gambarogno attorno alle 15:00.
Visione ingrandita: Fig. 5: Queste immagini mostrano le correnti a 800 m di quota come sono state previste dal modello COSMO-E di sabato 4 aprile alle ore 00 :00 UTC. A sinistra la situazione prevista per sabato alle ore 18:00 UTC, dove la Bora soffia con forza sulle rive croate ma le correnti non penetrano ancora nella Pianura Padana. Nella notte il cambiamento e a destra la previsione per domenica 5 aprile ore 06 UTC con una forte corrente da Est che spinge contro il versante sudalpino, provocando la formazione dello strato nuvoloso (Fonte: MeteoSvizzera).
Fig. 5: Queste immagini mostrano le correnti a 800 m di quota come sono state previste dal modello COSMO-E di sabato 4 aprile alle ore 00 :00 UTC. A sinistra la situazione prevista per sabato alle ore 18:00 UTC, dove la Bora soffia con forza sulle rive croate ma le correnti non penetrano ancora nella Pianura Padana. Nella notte il cambiamento e a destra la previsione per domenica 5 aprile ore 06 UTC con una forte corrente da Est che spinge contro il versante sudalpino, provocando la formazione dello strato nuvoloso (Fonte: MeteoSvizzera).

L’estensione del braccio anticiclonico in direzione della Pianura Padana ha avuto due cause nella formazione dello strato nuvoloso apparso in Ticino nelle prime ore di domenica mattina:

1 - Passando sull’Adriatico la corrente dal settore Est si è caricata di umidità

2 - Avvicinandosi ai rilievi del versante sudalpino questa aria umida ha iniziato a salire, si è raffreddata per decompressione e ha raggiunto la saturazione (apparizione della nuvolosità). Impedita a salire più in alto dalla sussidenza anticiclonica, la nuvolosità si è allargata sotto forma di strato. In atmosfera estiva una simile situazione avrebbe provocato dei temporali.

Nell’immagine sottostante l’evoluzione del tasso di umidità nelle stazioni ticinesi di Costa e Efra, situate rispettivamente a 2170 e a 2100 m slm, illustra perfettamente gli effetti di un’avvezione di aria umida proveniente dall’Adriatico.
 

Animazione della nuvolosità identificata dal satellite geostazionario Meteosat (canale visibile). I numeri che vengono mostrati corrispondono ai “minuti di sole durante gli ultimi dieci minuti” registrati con la strumentazione presso le stazioni di MeteoSvizzera SwissMetNet. 0 indica che la stazione è stata in ombra durante tutti i 10 minuti, 10 indica un soleggiamento completo.

L’animazione mostra bene la rapida dissoluzione della nuvolosità attorno a mezzogiorno.
 

I dati satellitari vengono combinati con i dati del modello numerico per estrarre ulteriori dettagli sulle nuvole. L’animazione mostra il prodotto Cloud Top Height (SAFNWC), ovvero l’altezza del limite superiore delle nuvole (“il top delle nuvole”). Anche questo prodotto indica come la nuvolosità sia rimasta confinata nei bassi strati, essendo l’aria al di sopra dei 2500 – 3000 metri estremamente secca a causa della sussidenza dell’anticiclone.
 

Commenti (7)

  1. Simone, 6.04.2020, 14:37

    Molto interessante. Credo che il ritorno da est sia l'avvenimento meteo più inutile in assoluto per le nostre regioni...secondo me,tranne in estate ovviamente dove si potrebbe beneficiare di qualche temporale.😊
    Questa situazione si manifesta spesso anche quando sull'altopiano soffia la Bise...giusto?

  2. mike, 6.04.2020, 10:05

    Ottima spiegazione! Vi seguo soprattutto per questo, riuscite ad appassionare anche chi di meteo capisce poco o nulla. E di questi tempi poi, aiuta a sgombrare la mente e ad aprire i cuori!
    Solo una piccola domanda: Questo rientro di correnti da est possono essere anche la causa del famoso "buran" o "burian" che specie in inverno porta (raramente) bufere di neve fino alle nostre lande?
    Grazie e ancora complimenti!

    1. MeteoSvizzera, 6.04.2020, 11:01

      Grazie. Si il famoso "burian" arriva spesso sul versante sudalpino sottoforma di "rientro da est".
      Cordiali saluti

  3. Clock Tower, 6.04.2020, 07:39

    Grazie per l'interessantissimo approfondimento! Cercando invano "cielometro" suppongo che il termine sia da leggere "ceilometro " (da "cloud ceiling", inglese).

    1. MeteoSvizzera, 6.04.2020, 11:02

      Esatto, correggiamo!
      Grazie e cordiali saluti

  4. Matteo, 5.04.2020, 22:51

    Dettagliatissima! Grazie mille buon lavoro.

  5. Michele, 5.04.2020, 20:24

    Grandi !! bello osservare ma anche capire cosa succede ,con il vostro aiuto mi state aiutando molto :capire il perché del cielo nuvoloso fresco al mattino poi dal primo pomeriggio soleggiato con giornata da primavera avanzata, oggi (sigh )non è servito a molto... ma in futuro ...in sella dal mattino.. e via !! anche con rientro da est !! buon lavoro ragazzi