Una tipica situazione di sbarramento

22 novembre 2019, 13 Commenti
Temi: Tempo

Le precipitazioni sono iniziate nella tarda serata di giovedì e ci faranno compagnia fino a domenica di primo mattino. Facciamo il punto alla situazione della fase di maltempo in corso.

Come preannunciato nel blog di ieri una vasta area di bassa pressione con centro sul Golfo di Biscaglia determinerà fino a domenica una classica situazione di sbarramento sul versante sudalpino e una situazione favonica su quello nordalpino. Le precipitazioni sono iniziate nella tarda serata di giovedì e fino a venerdì pomeriggio hanno portato sulle montagne dell’Alto Ticino e del Sempione da 15 a 30 cm di neve fresca. Entro domenica mattina il centro della depressione si sposterà sulla Sardegna, portando ad un’intensificazione delle precipitazioni nella giornata di sabato.

Complessivamente su tutto l’evento di precipitazioni ci attendiamo da 50 litri per metro quadrato (l/m2) nelle Valli del Grigioni italiano ai 120 l/m2 della zona del Sempione. Questa distribuzione delle precipitazioni è tipica delle situazioni in cui vi sono forti venti di scirocco (da sudest) che soffiano sulle Alpi, come è appunto il caso della situazione attuale. Tradotto in neve questi quantitativi porteranno ad una crescita del manto nevoso che nel triangolo Sempione – Gottardo – Centovalli potrà raggiungere localmente anche i 100 cm. Per questo motivo MeteoSvizzera ha emesso nella giornata di ieri un’allerta per forti nevicate che riguarda l’Alto Ticino (livello 2 e 3) e la zona del Sempione (livello 4). Le abbondanti nevicate portano con sé un innalzamento del pericolo di valanghe, come si può desumere dal sito dell’Istituto per lo studio della neve e delle valanghe di Davos, www.slf.ch . Rispetto a inizio mese, quando la neve è giunta fino sui fondivalle delle vallate superiori, questa fase di precipitazioni è caratterizzata da una massa d’aria decisamente più calda. Sabato in giornata a 2000 m di quota si misureranno circa più 2 gradi. Di conseguenza la neve che cadrà sarà sì fresca, ma sarà anche viepiù bagnata e pesante.
 

Visione ingrandita: Fig. 1: Somma complessiva delle precipitazioni secondo il modello COSMO-E nelle giornate di venerdì e sabato. Si noti la ripartizione spaziale con il baricentro verso le Alpi vallesane. Riteniamo che il modello sovrastimi un po’ le precipitazioni massime.
Fig. 1: Somma complessiva delle precipitazioni secondo il modello COSMO-E nelle giornate di venerdì e sabato. Si noti la ripartizione spaziale con il baricentro verso le Alpi vallesane. Riteniamo che il modello sovrastimi un po’ le precipitazioni massime.

Le precipitazioni attese vanno ad aggiungersi a quelle già cadute negli scorsi giorni. Molte persone iniziano ad essere un po’ stufe di questo periodo di pioggia. Solitamente a novembre si contano in Ticino 7 – 9 giornate con precipitazioni. Quest’anno se ne sono contate fino ad ora 16 con almeno 1 l/m2 di precipitazione. Complessivamente prendendo come riferimento le due stazioni principali di Lugano e Locarno sono caduti rispettivamente 230 l/ m2 (l’80% in più della norma) e 250 l/ m2 (il 55% in più della norma). E altra pioggia è attesa per domani … L’elevata piovosità del mese di novembre è all’origine dell’alto livello del Ceresio, come indicato nel bollettino dei pericoli naturali emesso oggi.
 

Visione ingrandita: Fig. 2: La linea verdognola la somma delle precipitazioni accumulate finora a Lugano e le previsioni delle prossime stimate sulla base del modello. La linea continua grigia la media delle precipitazioni del mese in Corso (norma 1981-2010). Nella colonna di destra in blu gli anni più piovosi, in grigio gli anni più secchi.
Fig. 2: La linea verdognola la somma delle precipitazioni accumulate finora a Lugano e le previsioni delle prossime stimate sulla base del modello. La linea continua grigia la media delle precipitazioni del mese in Corso (norma 1981-2010). Nella colonna di destra in blu gli anni più piovosi, in grigio gli anni più secchi.

Come da manule (o quasi) la situazione di sbarramento in atto è accompagnata anche da forti venti sul versante nordalpino. Le raffiche di favonio si rafforzeranno ulteriormente venerdì pomeriggio e si faranno tempestose dalla notte seguente sulle creste e nelle vallate; nel Vallese come pure in una fascia compresa fra la Jungfrau, l'alta valle della Reuss fino alla valle del Reno sangallese, le raffiche toccheranno gli 80-120 km/h. Sopra i 2000 m sono attese punte di 130-170 km/h. Questi valori giustificano l’emissione di un’allerta di livello 3 per le regioni interessate dal favonio.

Per i curiosi aggiungiamo anche il grafico della temperatura media mensile di Lugano.
Sulla colonna di destra in rosso gli anni con le 5 temperature medie più elevate, in grigio gli anni con le 5 temperature medie più basse del mese.
 


 

Visione ingrandita: Fig. 3: Temperatura media mensile. La linea rossa continua è la temperatura media misurata finora con la proiezione fino alla fine del mese. La linea grigia continua è la linea della temperatura media mensile (norma 1981-2010).
Fig. 3: Temperatura media mensile. La linea rossa continua è la temperatura media misurata finora con la proiezione fino alla fine del mese. La linea grigia continua è la linea della temperatura media mensile (norma 1981-2010).

Commenti (13)

  1. mike, 23.11.2019, 17:46

    Il mio precedente commento non voleva assolutamente essere un "lamento" ma solo una constatazione di una situazione piuttosto anomala ma che sta' diventando sempre più "normale" con gli anni e che verosimilmente è conseguenziale soprattutto alll'idiozia dell'uomo. @Andreas, se permetti, abitando sulle sponde del lago Maggiore, l'esondazione delle acque non è propriamente il massimo della vita....ne farei volentieri a meno!

    Risposte

    Rispondere a mike

    * Campi obbligatori

    Grazie per il contributo. Ciascun contributo viene controllato dalla redazione prima di essere attivato. La procedura può richiedere del tempo.

    Grazie per la comprensione

    Purtroppo il contributo fornitoci non ha potuto essere trasmesso. Si prega di riprovare più tardi.

    Grazie per la comprensione

    1. andreas, 24.11.2019, 09:44

      Ma non te la prendere!anche io sono sulla riva!e stamane è uscito bene😅

  2. Giulia, 23.11.2019, 15:57

    Come già indicato giorni fa dalla MeteoSwiss, ritornerà il bel tempo e saliranno le temperature. Ora visto che il territorio sciistico ha ricevuto molta neve cosa capiterà con l’aumento delle temperature (valanghe?🙄😱)

    Risposte

    Rispondere a Giulia

    * Campi obbligatori

    Grazie per il contributo. Ciascun contributo viene controllato dalla redazione prima di essere attivato. La procedura può richiedere del tempo.

    Grazie per la comprensione

    Purtroppo il contributo fornitoci non ha potuto essere trasmesso. Si prega di riprovare più tardi.

    Grazie per la comprensione

    1. MeteoSvizzera, 23.11.2019, 16:05

      Valanghe saranno sicuramente possibili nei prossimi giorni, siamo localmente al grado 4 di pericolo, ma le regioni sciistiche sanno proteggersi provocando dei distacchi controllati e grazie alla neve caduta avranno la stagione assicurata.

  3. mike, 23.11.2019, 09:11

    Effettivamente ora si sta un tantino esagerando....da un estremo all'altro! La pioggia è una manna dal cielo ma quando è troppa diventa deleteria. Un aspetto positivo non da poco è l'assenza, o almeno, la riduzione degli inquinanti, in particolare nelle metropoli e la latitanza della nebbia, nonché un importante scorta, anche sotto forma di neve, per i prossimi mesi.
    Sono i nostri monsoni, volenti o nolenti.

    Risposte

    Rispondere a mike

    * Campi obbligatori

    Grazie per il contributo. Ciascun contributo viene controllato dalla redazione prima di essere attivato. La procedura può richiedere del tempo.

    Grazie per la comprensione

    Purtroppo il contributo fornitoci non ha potuto essere trasmesso. Si prega di riprovare più tardi.

    Grazie per la comprensione

    1. andreas, 23.11.2019, 13:58

      Sempre lamentarsi..adesso non va bene neanche il lago che esce😅🤣

    2. Fabrizio, 23.11.2019, 14:43

      Andrea,
      Hai ragione siamo capaci di fare solo questo, privi di argomenti, il tempo segue i principi che sanno spiegare bene gli addetti ai lavori, basta pazientare, in quanto fa quello che sappiamo meritarci...

  4. Cesare, 22.11.2019, 23:33

    A quando un po di sole! Ciao Team Meteosvizzera

    Risposte

    Rispondere a Cesare

    * Campi obbligatori

    Grazie per il contributo. Ciascun contributo viene controllato dalla redazione prima di essere attivato. La procedura può richiedere del tempo.

    Grazie per la comprensione

    Purtroppo il contributo fornitoci non ha potuto essere trasmesso. Si prega di riprovare più tardi.

    Grazie per la comprensione

  5. Marco B., 22.11.2019, 21:37

    Certo per noi ciclisti amatoriali comincia ad essere un po' troppa la pioggia di queste settimane. Sì, qualcuno esce anche in queste condizioni, ma prendendo rischi maggiori. Vabbè consoliamoci con la coscienza che la pioggia è benvenuta per l'equilibrio idrico, vorrà dire che per un bel po' non sentiremo parlare di pericoli di siccità. Grazie per accompagnarci quasi giornalmente nella spiegazione dei fenomeni - Marco

    Risposte

    Rispondere a Marco B.

    * Campi obbligatori

    Grazie per il contributo. Ciascun contributo viene controllato dalla redazione prima di essere attivato. La procedura può richiedere del tempo.

    Grazie per la comprensione

    Purtroppo il contributo fornitoci non ha potuto essere trasmesso. Si prega di riprovare più tardi.

    Grazie per la comprensione

    1. paolo, 23.11.2019, 08:47

      Ti sbagli, meteo svizzera dice che "Le precipitazioni sono iniziate nella tarda serata di giovedì", è solo una tua percezione e pure mia ma non faccio testo, vedo non di rado delle cose strane e mi stupisco che non se ne accorgano altri.

    2. MeteoSvizzera, 23.11.2019, 09:01

      @Paolo in riferimento all'evento in corso descritto nel blog sono cominciate il giovedì sera. :-)

  6. Max, 22.11.2019, 19:23

    Buonasera
    Scusate chiedo cortesemente nell'articolo che avete pubblicato c'è un errore oppure sbaglio l'interpretazione Litri per metro quadro o doveva essere ml/metro quadro ossia milliletri al metro quadro? Grazie per la gentile attenzione.

    Risposte

    Rispondere a Max

    * Campi obbligatori

    Grazie per il contributo. Ciascun contributo viene controllato dalla redazione prima di essere attivato. La procedura può richiedere del tempo.

    Grazie per la comprensione

    Purtroppo il contributo fornitoci non ha potuto essere trasmesso. Si prega di riprovare più tardi.

    Grazie per la comprensione

    1. mario, 23.11.2019, 08:56

      50 l/m2 sono 50 mm di acqua al metro quadrato .
      di solito viene misurato il litro o mm ( la stessa cosa )
      per metro quadrato .

      Buona giornata , con la pioggia , speriamo non ci siano
      danni !