In che modo i Cantoni utilizzano le allerte della Confederazione?

14 ottobre 2019
Temi: Chi siamo

Oggi è la Giornata internazionale per la riduzione dei rischi di catastrofe. Abbiamo colto l’occasione per porre alcune domande sulla gestione dei pericoli naturali e delle allerte a due rappresentanti del Canton Uri per capire, ad esempio, cosa fa questo cantone per proteggere le infrastrutture in caso di piogge prolungate e alluvioni.

Esonsazione del lago a Locarno

I servizi specializzati in pericoli naturali della Confederazione – l’Ufficio federale dell’ambiente, l’Ufficio federale di meteorologia e climatologia MeteoSvizzera, l’Ufficio federale per la protezione della popolazione, l’Istituto federale di ricerca per la foresta, la neve e il paesaggio WSL con l’Istituto per lo studio della neve e delle valanghe (SLF) e il Servizio Sismico Svizzero – hanno unito le forze per avvertire la popolazione dei pericoli naturali imminenti. Questi servizi mettono a disposizione dei Cantoni informazioni importanti e allerte affinché questi ultimi possano proteggere la popolazione e le infrastrutture ad esempio da piene, valanghe o tempeste. Maggiori dettagli nell’intervista con Oliver Indergand, responsabile di progetto della divisione Infrastrutture della Divisione delle costruzioni e Lukas Eggimann, responsabile della divisione Pericoli naturali dell’Ufficio della caccia e della pesca.

 

In che misura i pericoli naturali sono un problema per il Canton Uri?

Il Canton Uri è esposto ai pericoli naturali tutto l’anno: nei mesi estivi sono soprattutto le piene e le colate detritiche mentre in inverno sono le valanghe a richiedere l’azione delle forze d’intervento locali. Anche le cadute di massi si verificano durante tutto l’anno.

 

Quali informazioni e dati vi occorrono?

Per noi le allerte di MeteoSvizzera per piogge prolungate e neve sono rilevanti solo a partire dal grado 3, poiché le allerte di grado 2 spesso non causano danni o solo di minima entità. Non prestiamo tendenzialmente molta attenzione alle numerose allerte per temporali, poiché nella maggior parte dei casi il tempo a disposizione non è sufficiente per adottare eventuali misure d’intervento.

Come utilizzate le allerte della Confederazione?

Le allerte per piogge prolungate e neve a partire dal grado 3 confluiscono nella valutazione della situazione meteorologica e dei pericoli attuali fatta dalle forze d’intervento e delle autorità locali. Queste allerte sono integrate anche nello schema generale della procedura di emergenza per i singoli pericoli naturali.

Quali provvedimenti adottate quando ricevete un’allerta?

Monitoriamo con maggiore intensità gli strumenti a nostra disposizione, come il misuratore del livello dei corsi d’acqua e delle acque dei laghi, le stazioni meteorologiche, le videocamere, la piattaforma GIN (piattaforma informativa comune sui pericoli naturali per la Confederazione, i Cantoni e i Comuni) ecc. Queste allerte sono prese in considerazione dalle locali forze d’intervento per le decisioni in merito al compimento di eventuali interventi o all’adozione di provvedimenti specifici.

Quale è il pericolo naturale a cui è maggiormente esposto il Canton Uri?

A verificarsi più spesso sono le cadute di massi o piccole frane. Esse sono solitamente limitate nella loro estensione, perciò nella maggior parte dei casi anche i danni sono contenuti. A causare i maggiori costi sono le piene e le colate detritiche.

 

Come si protegge in generale il Canton Uri dai pericoli naturali?

Nel Canton Uri i pericoli naturali non sono contrastati solo con opere di protezione; la gestione dei pericoli naturali si basa su diversi pilastri. È necessaria una comunicazione efficace per sensibilizzare il pubblico. Vengono inoltre create le basi per valutare i pericoli e i rischi; per evitare danni vengono adottate misure preventive adeguate (pianificazione territoriale, misure tecnico-strutturali, piani di emergenza, preallerte, organizzazione). Viene soprattutto attribuita grande importanza ai provvedimenti organizzativi. Il Canton Uri dispone di un proprio servizio di sorveglianza in caso di valanghe, che determina, ad esempio, il grado di pericolo di valanghe per determinati tratti stradali. Naturalmente anche le previsioni meteorologiche di MeteoSvizzera e i bollettini delle valanghe del WSL Istituto per lo studio della neve e delle valanghe SLF fungono da base per elaborare queste decisioni.

Un altro strumento importante sono i piani di emergenza in caso di pericoli naturali. In collaborazione con i comuni, le divisioni “Infrastrutture” e “Pericoli naturali” elaborano un piano di emergenza in caso di piene, valanghe, smottamenti e frane. Entro la fine del 2019 tutti i 20 comuni del Canton Uri saranno dotati di un proprio piano di emergenza per pericoli naturali. Esso fornisce informazioni sui luoghi sensibili del territorio comunale e indica le misure d’intervento in caso di evento. Il piano di emergenza in caso di pericoli naturali sostiene le forze d’intervento e le autorità locali nella gestione degli eventi naturali pericolosi.

 

Ulteriori informazioni

Pericoli

Portale sui pericoli naturali

Canton Uri – Pericoli naturali

 

Giornata internazionale per la riduzione dei rischi di catastrofe

 

Commenti (0)