Aggiornamento Hagibis

11 ottobre 2019, 1 Commento
Temi: Tempo

Il Giappone si prepara all'arrivo del tifone.

Immagine: Toru Hanai/AP

Hagibis si sta avvicnando al Giappone, minacciando la capitale con venti fino a 200 km/h, i più forti degli ultimi 60 anni.

Il tifone ha già superato le isole Marianne, dove le raffiche hanno raggiunto 250 km/h, ma sopra un’isola disabitata. Le restanti isole sono state colpite in misura minore e non ne conosciamo le conseguenze.

Hagibis significa “velocità” in lingua filippina Tagalog. Questo tifone toccherà l’isola principale Honsu sabato, un mese dopo Faxai che aveva danneggiato 30.000 case, la maggioranza delle quali non è ancora stata riparata.

Si teme che Hagibis possa superare la violenza di Kanogawa, che nel 1958 uccise più di 1.000 persone in quel paese.

Le autorità hanno raccomandato alla popolazione nelle regioni a rischio, di preparare riserve di acqua e cibo per almeno tre giorni, che in realtà cominciano a scarseggiare nei supermercati, perché la gente si sta già preparando, anche barricandosi in casa e rinforzando le strutture.

Alcuni eventi sportivi come rugby e prove di Formula 1, così come molti voli e perfino corse di treno, sono stati preventivamente annullati. Soprattutto la metropolitana resterà chiusa, per rischio inondazioni. Non fanno eccezione scuole, supermercati e fabbriche, insomma, chi può fugge o resta in casa.

Queste sono le notizie dei giornali giapponesi.

Noi possiamo mostrarvi l'ultima immagine satellitare in nostro possesso.

 

Commenti (1)

  1. Michele, 12.10.2019, 08:19

    Davvero un bel problema la velocità dei venti: non oso immaginare quelle precarie abitazioni tipiche delle isole ...!

    Risposte

    Rispondere a Michele

    * Campi obbligatori

    Grazie per il contributo. Ciascun contributo viene controllato dalla redazione prima di essere attivato. La procedura può richiedere del tempo.

    Grazie per la comprensione

    Purtroppo il contributo fornitoci non ha potuto essere trasmesso. Si prega di riprovare più tardi.

    Grazie per la comprensione