Sulle tracce della grandine con l’aiuto dell’app di MeteoSvizzera

Data di pubblicazione 1 giugno 2015
Temi Servizio
Ricerca e collaborazioni
Chi siamo
Tipo di comunicazione Comunicato stampa

I ricercatori di MeteoSvizzera percorrono nuove strade nella ricerca sulla grandine e la raccolta di dati meteorologici. Con l’aiuto dell’app di MeteoSvizzera la popolazione può dare un importante contributo per migliorare il rilevamento della grandine. Il progetto è stato realizzato in collaborazione con i ricercatori del ”Mobiliar Labs” per i pericoli naturali presso il Centro Oeschger per la ricerca sul clima dell’Università di Berna e con La Mobiliare.

L’Ufficio federale di meteorologia e climatologia MeteoSvizzera effettua da decenni ricerche con i metodi più moderni per migliorare continuamente le previsioni del tempo. In questo contesto la tecnologia radar svolge un ruolo particolarmente importante, soprattutto per l’ulteriore sviluppo delle previsioni di forti piogge e temporali. I nuovi radar meteorologici svizzeri sono in grado di fornire informazioni anche sulla forma geometrica delle idrometeore, facilitando il riconoscimento della presenza della grandine all’interno di forti temporali. Nonostante l’impiego delle tecnologie più avanzate la grandine rimane comunque difficile da prevedere e da misurare.

Partecipare alla scienza

MeteoSvizzera si è posta l’obiettivo di migliorare ulteriormente le previsioni di grandinate a corto termine. A questo scopo, e per verificare la qualità di queste previsioni, necessita del maggior numero possibile di osservazioni di grandine al suolo. Per questo il servizio meteorologico nazionale chiede ora il sostegno della popolazione. Da subito gli utenti delle app MeteoSwiss e La Mobiliare possono con due semplici operazioni registrare nell’app la dimensione dei chicchi di grandine, l’ora e l’ubicazione di una grandinata  e inoltrare la segnalazione. Grazie a questa soluzione di crowdsourcing ognuno può dare un contributo utile all’ulteriore sviluppo delle allerte per grandinate. Quanto maggiore sarà il numero di osservazioni che perverranno a MeteoSvizzera, tanto meglio si potrà esaminare il collegamento tra echi radar provenienti dalle nubi temporalesche e la grandine al suolo. L’assicurazione della qualità rappresenta una sfida nell’ambito del progetto. I dati pervenuti saranno esaminati con l’ausilio di elaborazioni statistiche e confronti incrociati.

Ulteriore sviluppo delle allerte di maltempo

Durante l’estate il “Mobiliar Labs” e MeteoSvizzera condurranno inoltre un progetto pilota per verificare le allerte di grandine a breve termine e generate automaticamente partendo dalle misurazioni radar. Allo studio partecipano diverse centinaia di persone che riceveranno un avviso per SMS poco prima di una grandinata prevista. In seguito i partecipanti a questo progetto pilota segnaleranno se la grandine è effettivamente caduta, consentendo ai ricercatori di verificare la qualità di queste allerte automatiche.

Ulteriori novità per l’app MeteoSwiss

Con oltre tre milioni di download, MeteoSwiss è una delle applicazioni dedicate alla meteo più amate. Gli utenti dell’app conoscono già le notifiche push per le allerte di maltempo per singole località della Svizzera. In aggiunta a questo servizio è ora possibile abbonarsi alle “prospettive di maltempo” per i prossimi 5 giorni. Con le “prospettive di maltempo” richiamiamo l’attenzione dell’utente su potenziali fenomeni di maltempo, che devono però essere confermati nei giorni successivi sulla base dei nuovi dati a disposizione. Le regioni interessate sono indicate sull’app con un tratteggio. Gli utenti potranno pertanto informarsi ancora meglio sul maltempo in arrivo.