Ambito dei contenuti

Il tempo

2 aprile 2020, 7 Commenti

Tante volte ci viene chiesto di gestire il tempo meteorologico: “Ordinateci il sole per il weekend prossimo”, “fate piovere che non se ne può più di questa siccità” e via dicendo. Di fatto però l’unico tempo che possiamo davvero gestire è il nostro.

La gestione del tempo è qualcosa che riguarda tutti anche se non tutti lo fanno in maniera consapevole. C’è chi prende gli eventi come si presentano, chi combatte per farli andare come vorrebbe e chi cerca di trovare il giusto compromesso tra questi due estremi. Una cosa però capita alla maggior parte di noi: chi non ha mai detto o pensato “non ho tempo”? Ma cosa intendiamo veramente quando lo diciamo?

Perché in principio il tempo –una risorsa finita di cui tutti disponiamo in maniera uguale – ce l’abbiamo e in una certa misura siamo noi a poter decidere per cosa utilizzarlo. Dunque dietro alla frase “non ho tempo” si nasconde molto di più. Potremmo voler dire per esempio “Non ho le risorse necessarie per dedicare del tempo a questa cosa che vorrei fare” oppure “Non voglio dedicare del tempo a questa cosa che mi chiedi perché al momento ho altre priorità”.

L’impressione generale è comunque quella di non avere mai tempo a sufficienza.

Ecco dunque alcune tecniche universalmente valide atte a liberare del tempo da utilizzare come meglio si crede.

Scegliere le cose giuste da fare

Sembra un consiglio banale, ma quali sono le attività che danno un vero valore aggiunto al nostro lavoro o più in generale alla nostra vita? Ecco alcuni spunti su cui riflettere:

  • Definire i propri obiettivi
  • Dare la giusta priorità alle cose
  • Eliminare le attività non necessarie
  • Imparare a dire di no
  • Delegare
  • Investire del tempo anche nelle cose importanti, non solo in quelle urgenti
Visione ingrandita: Una delle possibili varianti della matrice di Eisenhower, uno degli strumenti fondamentali per la gestione del tempo
Una delle possibili varianti della matrice di Eisenhower, uno degli strumenti fondamentali per la gestione del tempo

Svolgere più velocemente quello che facciamo

E qui non si intende necessariamente di accelerare l’azione in sé, ma piuttosto di creare le condizioni per svolgere i compiti in maniera più efficiente:

  • Fare una cosa alla volta
  • Eliminare le distrazioni
  • Concentrare attività simili in pacchetti di lavoro
    ad esempio processare la propria posta elettronica in una sessione di 30 minuti anziché processare un messaggio alla volta ogni 15 minuti o fare la spesa una volta a settimana anziché andare in negozio quotidianamente
  • Il principio di Pareto applicato alla gestione del tempo ovvero 20% di sforzo per ottenere l’80% dei risultati
  • Iniziare sempre dal compito passivo ad esempio infornando le lasagne prima di apparecchiare
  • Automatizzare

L’importante è essere sinceri con sé stessi, concentrarsi su pochi obiettivi giornalieri importanti e lasciare abbastanza margine tra un’attività e l’altra per permettere:

  1.  di reagire al meglio agli imprevisti
  2. al nostro corpo e alla nostra mente di riposare

Il tempo ai tempi del Covid-19

In questo difficile periodo c'è chi ha moltissimo tempo a disposizione e ne risulta quasi disorientato, e altri che sono investiti da carichi enormi di lavoro e non avanzano il tempo per se stessi o per i propri cari. Due estremi che convivono e che ci fanno riflettere in profondità sul significato del tempo.

Commenti (7)

  1. vannini fosca, 8.04.2020, 08:29

    Grazie, molto interessante. Auguri a voi.
    E buon lavoro!

  2. Rita, 4.04.2020, 10:08

    Grazie, mi è proprio piaciuto questo blog. Ben strutturato, ben descritto e profondo.
    Apprezzato!!

  3. Giorgio, 3.04.2020, 17:03

    Bellissimo articolo, corredato di implicazioni etiche, psicologiche e quant'altro, a dimostrazione che dietro il freddo impegno strettamente lavorativo restate "umani".
    Uno scontatissimo grazie è troppo poco … e forse anche un metaforico "aperitivo per tutti, offro io" ...

  4. Eva, 3.04.2020, 13:31

    Grazie per l’articolo.
    Faccio parte dei ‘disorientati’ pur avendo in serbo diverse attività accumulatesi per quando ‘avrò più tempo’.
    La situazione attuale mi permette anche di dedicarmi, senza sensi di colpa, alla riflessione non immediatamente produttiva che però mi servirà, spero, a saper gestire lo stress quando tornerà il momento di ‘non aver più tempo’.
    Lasciamo che si ribalti l’ordine d’importanza delle cose fissatosi negli anni buoni...

    1. Giorgio, 3.04.2020, 17:15

      Belle e profonde considerazioni @Eva, l'augurio migliore sarebbe che il rientro alla normalità comportasse anche come risultato delle riflessioni, quello di modificare concretamente la visione ed il rapporto con la quotidianità, abiurando concetti come "non ho mai tempo", modificando, eventualmente le priorità, tanto più radicalmente quanto più ci si era lasciati invischiare e travolgere dalle dinamiche esasperate della vita "moderna".

  5. Mario, 3.04.2020, 07:39

    Bravi come sempre a trovare interessanti argomenti!!!

  6. Redo, 2.04.2020, 22:15

    Il tempo, nessuno ne ha mai abbastanza per quello che vorrebbe fare, ci voleva questa pandemia per farci capire che il tempo,"nostro" ce lo possiamo gestire da soli senza influenze dal mondo esterno? Buona serata a tutti