Ambito dei contenuti

Mamma, ma...?

9 gennaio 2021, 7 Commenti
Temi: Clima

Ma com’era il 2020 a sud delle Alpi?

Foto di AURELIE LUYLIER, You're Welcome! da Pixabay
Foto di AURELIE LUYLIER, You're Welcome! da Pixabay

Ma dove era più caldo?

La temperatura più alta del 2020 a sud delle Alpi è stata registrata a Biasca, con 35 gradi. Sempre a Biasca si contano 34 giornate tropicali, cioè quelle in cui le temperature superano i 30 gradi. Considerando la temperatura media annuale troviamo Lugano e Locarno Monti a pari merito con 13.7 gradi, valore più alto registrato in Svizzera nel 2020.

 

Visione ingrandita: La stazione di misura SwissMetNet di Biasca
La stazione di misura SwissMetNet di Biasca

Ma chi ha avuto le notti più calde?

Nella zona urbana di Lugano abbiamo registrato 16 notti tropicali, quelle in cui le temperature non scendono sotto i 20 gradi.

Ma dove era più freddo?

Definire dove era più freddo è un po’ arbitrario, visto che in quota le temperature sono tipicamente più basse, mentre sulle pianure ristagna spesso aria fredda che porta minime notturne molto basse. In pianura troviamo la temperatura più bassa sul piano di Magadino, con meno 11.2 gradi misurati alla fine dell’anno. In montagna, al Pizzo Matro, la temperature minima assoluta annuale era di meno 12.6 gradi, con uno scarto relativamente contenuto rispetto alla pianura.

I giorni di ghiaccio, quelli in cui le temperature non salgono sopra 0 gradi, erano praticamente assenti in pianura. Salendo di quota la prima stazione di misura che ha registrato un giorno di ghiaccio è Comprovasco, mentre a San Bernardino sono stati registrati 33 giorni.

Anche i giorni di gelo, quelli in cui la temperatura minima scende sotto 0 gradi, sono risultati pochi: a Lugano e Locarno Monti solo 7, ma basta salire nelle vallate o restare nelle zone di pianura dove ristagna aria più fredda per trovarne oltre 50.

Ma dove ha piovuto di più?

Secondo le misurazioni automatiche e manuali della rete di misura di MeteoSvizzera, troviamo in testa alle misure di precipitazioni Robiei con un totale di 1981.8 mm e Camedo 1948.7 mm. Mentre la regione meno piovosa risulta essere la Val di Blenio con 1097.8 mm misurati a Comprovasco, dopo tutto ci sarà un motivo se è soprannominata valle del sole…

Ancora più asciutta risulta essere la Val Poschiavo con 1065.5 mm a Brusio e 934.8 mm a Campocologno.

 

Visione ingrandita: Il pluviometro automatico OTT di Crana Torricella, della rete SwissMetNet
Il pluviometro automatico OTT di Crana Torricella, della rete SwissMetNet

Le precipitazioni più intense si sono verificate il 24 settembre a Crana – Torricella e il 28 agosto a Magadino – Cadenazzo, dove sono caduti rispettivamente 52.0 e 50.2 mm in un’ora.

Ma dove c’era più vento?

Il passaggio della tempesta di scirocco Alex, ad inizio ottobre, ha fatto registrare le raffiche di vento più intense a sud delle Alpi. A Cevio sono stati raggiunti 107.3 km/h, a media quota troviamo la misura del Monte Generoso con 127.1 km/h, mentre in montagna il sensore piazzato sul Pizzo Matro ha misurato 181.1 km/h.  

Ma dove c'era più sole?

Anche qui dobbiamo considerare che non tutte le stazioni di misura hanno lo stesso orizzonte, e la differenza di ore di sole non è dovuta solo alle nuvole presenti ma anche all’ombra data dalle montagne. Considerando semplicemente le ore totali di sole troviamo Locarno Monti in testa con 2452 ore. Mentre se valutiamo il possibile soleggiamento su ogni stazione di misura troviamo in testa Grono, con il 64 % del soleggiamento relativo.

Visione ingrandita: La stazione di misura SwissMetNet di Grono / Leggia
La stazione di misura SwissMetNet di Grono / Leggia

Ma dove è arrivata più neve?

Considerando la somma annuale degli accumuli giornalieri di neve fresca a San Bernardino, dove sono caduti 401 cm di neve, e a Bosco Gurin, con 394 cm. A basse quote troviamo 71 cm a Biasca, 47 cm a Lugano e 38 cm a Locarno Monti.  In un solo giorno il massimo di neve fresca è caduto in montagna ad inizio dicembre con 68 cm a San Bernardino, alle basse quote a Biasca con 26 cm.

Mamma, ma…?

Dai Samuele, lo sai che le domande non si cominciano con il ma,…

Commenti (7)

  1. Tiziano Tedoldi, 10.01.2021, 14:01

    Buongiorno !
    Egregi meteorologi di meteo Suisse : come mai la tempesta Filomena che ha portato stupende tempeste di neve in Spagna e in particolare a Madrid non raggiunge la Svizzera e l'Italia settentrionale ? A Madrid, pare sia la nevicata piu' corposa degli ultimi 50 anni !!! Come la mettiamo con la teoria del riscaldamento globale ? Sembrerebbe decisamente un evento in controtendenza ! Che ci abbia messo lo zampino la minore frenesia da attività umana e quindi minore inquinamento e dunque minor riscaldamento, dovuto ai lockdown generalizzati ? Per la cronaca, qui sul fondovalle della bassa Valtellina (da Sondrio a Colico) terza giornata consecutiva di gelo, ovvero,come da definizione, temperatura mai positiva nell'arco delle 24 ore .

    Risposte

    Rispondere a Tiziano Tedoldi

    * Campi obbligatori

    Grazie per il contributo. Ciascun contributo viene controllato dalla redazione prima di essere attivato. La procedura può richiedere del tempo.

    Grazie per la comprensione

    Purtroppo il contributo fornitoci non ha potuto essere trasmesso. Si prega di riprovare più tardi.

    Grazie per la comprensione

    1. MeteoSvizzera, 10.01.2021, 14:37

      In ordine le risposte: 1 Filomena è troppo a sud-ovest per interessarci. 2 Il riscaldamento globale non esclude eventi di freddo intenso, anzi la nevicata anomala ne è proprio la dimostrazione. 3 No, i lockdown influiscono solo marginalmente.
      Anche a Poschiavo dal 4 gennaio troviamo solo giornate di gelo.

    2. Tiziano Tedoldi, 10.01.2021, 17:18

      Grazie per la risposta .
      Da notare però che Poschiavo si trova a 1014 metri di quota sul livello del mare, mentre il fondovalle valtellinese, da Sondrio a Morbegno si trova a quote tra i 307 metri di Sondrio sino ai 218 metri di quota di Colico,passando per i 262 metri di quota di Morbegno anche se talvolta l'inversione termica la fa da padrona ! Non siamo comunque tuttora in regime di inversione termica.

    3. steph, 10.01.2021, 18:30

      Teoria del riscaldamento globale? Ma se il 2020 è stato, insieme al 2016, l'anno più caldo da inizio serie!

  2. Pierangelo, 10.01.2021, 09:15

    Grazie per questo articolo ben fatto! Buona domenica.

    Risposte

    Rispondere a Pierangelo

    * Campi obbligatori

    Grazie per il contributo. Ciascun contributo viene controllato dalla redazione prima di essere attivato. La procedura può richiedere del tempo.

    Grazie per la comprensione

    Purtroppo il contributo fornitoci non ha potuto essere trasmesso. Si prega di riprovare più tardi.

    Grazie per la comprensione

  3. jonathan, 10.01.2021, 08:07

    Correggetemi se sbaglio: mi era parso di capire che la prima abbondante nevicata ad inizio dicembre c'era aria di record ( in particolare ad Airolo). Possibile per quel che riguarda la precipitazione in 24h?

    Complimenti per il vostro servizio che offrite. Buon lavoro.

    Risposte

    Rispondere a jonathan

    * Campi obbligatori

    Grazie per il contributo. Ciascun contributo viene controllato dalla redazione prima di essere attivato. La procedura può richiedere del tempo.

    Grazie per la comprensione

    Purtroppo il contributo fornitoci non ha potuto essere trasmesso. Si prega di riprovare più tardi.

    Grazie per la comprensione

    1. MeteoSvizzera, 10.01.2021, 09:58

      La nevicata del 4 dicembre con 63 cm di neve fresca ad Airolo era sicuramente degna di nota ma non da record, troviamo infatti un 86cm del 18.12.1945 in testa alla classifica. La nevicata del 2020 è in 4 posizione per dicembre. A San Bernardino in terza posizione con 68cm, record 25 dicembre 2013 con 120cm