Natura e previsioni

10 agosto 2019, 13 Commenti

Tempo che cambia sempre più frequentemente, previsioni ambigue, o troppe informazioni di presunta precisione a portata di mano? Natura e previsioni seguono evoluzioni differenti.

Immagine di Benjamin Nelan da Pixabay
Immagine di Benjamin Nelan da Pixabay

Facciamo un salto nel vicino 2004, ma potremmo fermarci anche prima.  Fate mente locale e pensate come vi informavate per la meteo del fine settimana.

Fatto?

 

Ebbene 15 anni fa probabilmente i più aggiornati Smartphones, li chiamavamo Natel,  erano simili a quelli in immagine, dimenticate una rete dati veloce, dimenticate Android e iOS, dimenticate le App, dimenticate tutti i troppi selfies ormai tristemente di moda.

Per le previsioni si consultava il bollettino meteo, magari leggendo anche la situazione sinottica in corso, oppure si chiamava il 162, dove un maledetto lettore automatico ve lo leggeva, o si visualizzava il bollettino sempre aggiornato su Teletext.  Oppure, più semplicemente, si ascoltavano i bollettini o interviste in diretta in radio o la meteo in TV, dove Piernando Binaghi ed il suo staff, vi illustravano le previsioni aggiornate. Noi eravamo già attivi in consulenza e allo 0900 162 999 e, allora come oggi, potevamo aiutarvi in ulteriori dettagli.

 

Visione ingrandita:

Oggi nell’era della comunicazione tutto è a portata di mano, i vostri Smartphones vi propongono, tramite svariate App, la previsione dell’ultimo minuto. Animazioni, grafici, icone, il tutto legato alla vostra posizione attuale  e definito ora per ora, vi illustrano una previsione che sembra essere perfetta, dando l’illusione di poter gestire al minuto l’intera evoluzione di una giornata. Perfetto alle 18:32 finirà il temporale e potremo accendere la griglia, ottimo alle 09:37 finirà l’acquazzone e potrò uscire con il cane.

E poi arriva la natura, l’atmosfera ed il suo sistema caotico che, malgrado l’evoluzione di chi cerca di prevedere le sue mosse con precisione, continua imperterrita nel suo percorso, nei suoi ritmi, beffandosi con la sua imprevedibilità di tutti i calcoli matematici del più evoluto dei modelli.  

Ed ecco che le App non ne azzeccano più una.

Sicuramente il progresso bisogna cavalcarlo, e anche noi facciamo del nostro meglio, ma non dimentichiamo che lavoriamo sempre su di una previsione, e sempre resterà tale. Una continua ricerca del dettaglio e risoluzione ha dei vantaggi indiscutibili,  ma la possibilità di qualche fallimento, e conseguente delusione, non sarà probabilmente mai esclusa.

E questa sera come la mettiamo? Vi abbiamo visti allungare il polpastrello verso la vostra App meteo preferita, ancor prima di dare un’occhiata al cielo.
Cielo = realtà , App = previsione.

Buona grigliata a tutti.

Commenti (13)

  1. Maurizio zanzi, 12.08.2019, 18:55

    Ma tutto cambia troppo velocemente vedi gli sbalzi di temperatura da un giorno all altro 10i gradi e più di differenza mi viene da pensare a cause al di fuori dalle normali perturbazioni

    Risposte

    Rispondere a Maurizio zanzi

    * Campi obbligatori

    Grazie per il contributo. Ciascun contributo viene controllato dalla redazione prima di essere attivato. La procedura può richiedere del tempo.

    Grazie per la comprensione

    Purtroppo il contributo fornitoci non ha potuto essere trasmesso. Si prega di riprovare più tardi.

    Grazie per la comprensione

    1. team MeteoSvizzera, 12.08.2019, 19:15

      No, ci sono sbalzi ben più grandi. Nel 1980 restai 30 giorni all'ancora in una baia degli Stati Uniti ed essendo inverno, capitava che cambiasse il vento da sud a nord e si passava in una notte dai +15 °C ai -15 °C, uno sbalzo di 30 gradi. Poi naturalmente succedeva l'inverso. Durante la guerra mondiale, in Finlandia un lago gelò improvvisamente, a causa di un'irruzione improvvisa d'aria artica, e i soldati che lo stavano attraversando, restarono gelati assieme ai loro cavalli, in piedi, fino a primavera. Questione di pochi minuti. Invece qui da noi, uno sbalzo di 10-15 gradi, ogni tanto è normale.

  2. Enea Bettè Mozzini, 12.08.2019, 16:04

    Un dilemma che non finisce mai, specialmente in estate quando la meteo è instabile, è sempre difficile capire quale sarà la reale evoluzione della meteo ad un'ora data per un luogo dato.
    Sono completamente d'accordo riguardo al [Cielo = realtà , App = previsione], noi parapendisti lo chiamiamo Window System (o ev. webcam system).
    La meteo è affascinante proprio perchè non possiamo controllarla e prevederla a volte è difficile, ed è una delle più sincere espressioni della natura.

    Risposte

    Rispondere a Enea Bettè Mozzini

    * Campi obbligatori

    Grazie per il contributo. Ciascun contributo viene controllato dalla redazione prima di essere attivato. La procedura può richiedere del tempo.

    Grazie per la comprensione

    Purtroppo il contributo fornitoci non ha potuto essere trasmesso. Si prega di riprovare più tardi.

    Grazie per la comprensione

  3. Daniele, 11.08.2019, 16:46

    Bei tempi il 2004, quando nei primi anni della meteo-web c'era voglia di imparare la materia e di divulgarla in maniera corretta. Oggi invece nell'epoca del tutto e subito, dei social network, dell'apparire a tutti i costi e del "chi vusa püsé la vaca l'è sua" voi di Meteo Svizzera siete tra i pochi rimasti a fare meteo come 15 anni fa. Complimenti comunque nonostante a volte sbagliate anche voi.

    Risposte

    Rispondere a Daniele

    * Campi obbligatori

    Grazie per il contributo. Ciascun contributo viene controllato dalla redazione prima di essere attivato. La procedura può richiedere del tempo.

    Grazie per la comprensione

    Purtroppo il contributo fornitoci non ha potuto essere trasmesso. Si prega di riprovare più tardi.

    Grazie per la comprensione

  4. Ermete, 11.08.2019, 11:53

    Bravi come sempre. Fate bene a cercare di far capire la differenza fra realtà e previsione, anche se c’è chi fatica a capirlo. In ogni caso ci basiamo su nostre percezioni che, come scritto e documentato in un bel libro, sono molto spesso sbagliate. Ancora bravi.

    Risposte

    Rispondere a Ermete

    * Campi obbligatori

    Grazie per il contributo. Ciascun contributo viene controllato dalla redazione prima di essere attivato. La procedura può richiedere del tempo.

    Grazie per la comprensione

    Purtroppo il contributo fornitoci non ha potuto essere trasmesso. Si prega di riprovare più tardi.

    Grazie per la comprensione

  5. Chiara, 11.08.2019, 09:27

    Io amo la meteo, non le previsioni del tempo, infatti guardo ancora il cielo e non le app. Le previsioni le considero solamente se vado in montagna dove c'è pericolo e dove chiunque deve evitare di fare il deficiente per non doversi far recuperare in elisoccorso. In ultimo, il servizio meteo deve a mio parere servire esclusivamente a uso protezione civile, quindi avvisare di rischi e supportare le rotte aeree. Non certo per decidere come divertirsi nel weekend. L'umanità è ora che la smetta di vivere di piaceri stupidi e si concentri sui doveri verso le altre persone e l'ambiente!

    Risposte

    Rispondere a Chiara

    * Campi obbligatori

    Grazie per il contributo. Ciascun contributo viene controllato dalla redazione prima di essere attivato. La procedura può richiedere del tempo.

    Grazie per la comprensione

    Purtroppo il contributo fornitoci non ha potuto essere trasmesso. Si prega di riprovare più tardi.

    Grazie per la comprensione

  6. Alberto, 10.08.2019, 23:42

    La capacità di comprensione dell’attendibilità delle previsioni meteo è direttamente proporzionale al grado di caratura culturale del singolo utente: non vi affannate a giustificare l’errore che l’analfabeta di turno vi appiopperà con il ghigno imbecille dello zotico che pretende l’impossibile.
    Il global warming condizionerà lo sviluppo di nuovi algoritmi previsionali e ci vorrà qualche anno di lavoro.
    Siete bravissimi, non fatevi scoraggiare !!

    Risposte

    Rispondere a Alberto

    * Campi obbligatori

    Grazie per il contributo. Ciascun contributo viene controllato dalla redazione prima di essere attivato. La procedura può richiedere del tempo.

    Grazie per la comprensione

    Purtroppo il contributo fornitoci non ha potuto essere trasmesso. Si prega di riprovare più tardi.

    Grazie per la comprensione

  7. Piero, 10.08.2019, 22:18

    Francamente si stava meglio un tempo senza tutte queste informazioni che oltre ad essere poco certe ti rovinano la sorpresa.

    Risposte

    Rispondere a Piero

    * Campi obbligatori

    Grazie per il contributo. Ciascun contributo viene controllato dalla redazione prima di essere attivato. La procedura può richiedere del tempo.

    Grazie per la comprensione

    Purtroppo il contributo fornitoci non ha potuto essere trasmesso. Si prega di riprovare più tardi.

    Grazie per la comprensione

  8. Sergio, 10.08.2019, 17:16

    Per me non ha senso dedicare tutto quel tempo che dedicano in tv alla meteo dopo il tg delle 20. se in pochi secondi si vede l'ultima previsione disponibile perche' tutto quel bla bla bla in tv ?

    Risposte

    Rispondere a Sergio

    * Campi obbligatori

    Grazie per il contributo. Ciascun contributo viene controllato dalla redazione prima di essere attivato. La procedura può richiedere del tempo.

    Grazie per la comprensione

    Purtroppo il contributo fornitoci non ha potuto essere trasmesso. Si prega di riprovare più tardi.

    Grazie per la comprensione

    1. Luca, 11.08.2019, 00:17

      Ma poi non ne azzeccano una. Capisco che è difficile prevedere che tempo farà domani. Ma non sanno azzeccare nemmeno che tempo farà tra 1 ora.

    2. Chiara, 11.08.2019, 09:31

      La natura non è prevedibile. Cosa ci si ostina a prevedere l'imprevedibile? Certo la paura ci impone di sapere per sventare la paura. Giusto conoscere per non farsi male, niente altro. È totalmente sbagliato lo scopo per cui la gente esige e legge le previsioni.

    3. Davide, 11.08.2019, 11:28

      Bah, ragionando in questo modo bisognerebbe allora spegnere tutte le antenne televisive. Penso che la meteo in tv abbia ancora un senso, forse complesso da spiegare e che va al di là dell'informazione data in sé: anche solo il piacere di ascoltare qualcuno che parla e spiega, senza dover sempre essere orribilmente e quasi autisticamente piegati sul nostro schermo del telefono, è qualcosa che bisogna valorizzare nelle nostre vite di questo millennio.

    4. Jean Louis, 11.08.2019, 21:37

      Penso che bisogna essere onesti il lavoro che fate é spettacolare; prevedere il tempo è difficile per il fatto che le variabili sono molte e spesso estremamente mutevoli. Tuttavia mi siete serviti così tante volte che pur volendo parlar male non saprei cosa dire se non bravi anzi bravissimi per me va benissimo così