Come l’estate 2003 ha ridefinito l’espressione « estate canicolare »

17 luglio 2019, 1 Commento
Temi: Clima

Sono numerose le persone che si ricordano l’estate 2003 come canicolare. Dopo il mese di giugno più caldo dall’inizio delle misurazioni, il mese di agosto successivo è addirittura entrato negli annali come il mese più caldo mai misurato. Nuove mappe mostrano ora l’entità del calore record registrato anche per la temperatura massima e minima.

Alveo secco della  Töss durante l’estate canicolare 2003. Foto: Christoph Schär
Alveo secco della Töss durante l’estate canicolare 2003. Foto: Christoph Schär

L’estate 2019 è iniziata con il secondo mese di giugno più caldo dall’inizio delle misure, avvenuto nel nel 1864. Dopo un mese di maggio relativamente fresco e umido, i primi giorni tropicali sono arrivati proprio all’inizio dell’estate e poco prima della fine del mese di giugno eravamo già nel bel mezzo della prima ondata di calore. 16 anni or sono si era già nel pieno dell’estate:  la primavera 2003 era stata asciutta e più calda rispetto alla media, e il mese di giugno il più caldo mai misurato. Iniziò così l’estate canicolare del 2003. Pure luglio è stato caldo per poi passare ad agosto che ha battuto tutti i record. Questo mese è tuttora considerato come il più caldo mai registrato in Svizzera!

Le nuove mappe della temperatura confermano ora l’entità dell’ampiezza  

Che l’estate 2003 abbia reso secchi fiumi e prosciugato laghi poco profondi, provocato temperature giornaliere da record non è nulla di nuovo. Ma cosa ne è delle temperature massime e minime giornaliere? Le nuove mappe mostrano ora la media mensile delle temperature massime e minime giornaliere dal 1901, calcolate per ogni punto della Svizzera.

Per queste ricostruzioni sono state utilizzate solo le stazioni di misura di alta qualità e senza interruzioni di dati. La coerenza temporale che ne risulta è di grande importanza per le elaborazioni statistiche, ad esempio per le tendenze. Questi nuovi record delle serie di dati su punti di griglia sono disponibili attraverso il portale dei dati di MeteoSvizzera (link alla fine dell'articolo).

In media i valori massimi giornalieri in giugno 2003 sono stati da 5 a 7 °C più caldi della norma 1981-2010. La media mensile della temperatura minima giornaliera è stata invece da 3 a 4 °C superiore alla media.

Il mese di agosto 2003 è addirittura entrato nella storia come il mese più caldo mai misurato. Con una temperatura media delle massime giornaliere di  5 °C sopra la norma, questa anomalia è leggermente più debole sia a Nord sia a Sud delle Alpi rispetto a giugno, ma siccome il mese di agosto è generalmente il mese più caldo, l’estate canicolare ha raggiunto il suo apice.  

Media estiva futura?

Il caldo prolungato del 2003 è stato accompagnato da una siccità pronunciata, che è iniziata in febbraio. Nel 2018 abbiamo vissuto una situazione simile. I nuovi scenari climatici  CH2018 mostrano come una tale estate possa diventare la norma fra alcuni decenni. Resta da valutare se l’estate 2019 andrà ad aggiungersi alla lista delle estati più calde.

 

I dati sono disponibili all’indirizzo:

Ricostruzione delle temperature medie minime e massime

 

Foto:

https://www.usys.ethz.ch/forschung_alt/schwerpunkte_alt/klimawandel.html

 

Link

Bollettino climatologico di maggio 2019

Bollettino climatologico di giugno 2019

Isole di calore urbano

CH-2018 – Scenari climatici per la Svizzera

NCCS – Salute

NCCS – Tematiche prioritare e altre attività

 

Commenti (1)

  1. Roberto, 17.07.2019, 20:08

    Io ricordo l’estate canicolare dell’83, ma forse perché ero a scuola recluta e l’ abbigliamento non aiutava...

    Risposte

    Rispondere a Roberto

    * Campi obbligatori

    Grazie per il contributo. Ciascun contributo viene controllato dalla redazione prima di essere attivato. La procedura può richiedere del tempo.

    Grazie per la comprensione

    Purtroppo il contributo fornitoci non ha potuto essere trasmesso. Si prega di riprovare più tardi.

    Grazie per la comprensione