IPCC, oceani e criosfera

4 ottobre 2019, 4 Commenti
Temi: Clima

25 settembre 2019, Museo Oceanografico Monaco, ore 11.00 ora locale: Il Gruppo Intergovernativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) presenta la sintesi del suo ultimo rapporto speciale. Di cosa si tratta? Quali sono i principali risultati? E perché sono rilevanti per la Svizzera?

www.unsplash.com / Samuel Ferrara
www.unsplash.com / Samuel Ferrara

A intervalli regolari, l'IPCC raccoglie lo stato delle conoscenze sui cambiamenti climatici globali e le loro conseguenze nei cosiddetti rapporti sullo stato di avanzamento. L'ultima di queste relazioni risale al 2014 (IPCC 2014 EN). Inoltre, l'IPCC pubblica rapporti speciali che approfondiscono temi specifici nel contesto del cambiamento climatico globale. L'ultimo rapporto speciale è stato approvato dai governi dei 195 Stati membri dell'IPCC alla fine di settembre e successivamente presentato al pubblico.

Oceano e criosfera

Nel rapporto speciale Special Report on the Ocean and Cryosphere in a Changing Climate (SROCC), più di 100 autori di 36 paesi (compresa la Svizzera) hanno raccolto lo stato delle conoscenze sull'evoluzione degli oceani e della criosfera nel corso dei cambiamenti climatici passati e futuri. Il termine criosfera si riferisce agli elementi di ghiaccio del sistema climatico sulla terraferma e sulle superfici oceaniche. Questi includono in particolare la neve, i ghiacciai, le calotte di ghiaccio polari, il permafrost e il ghiaccio marino.

L'oceano e la criosfera sono collegati dal ciclo globale dell'acqua: la neve  e le masse di ghiaccio che si fondono scorrono come acqua sopra, o sotto, la superficie terrestre. La parte che non evapora nuovamente nell'atmosfera durante il suo percorso viene immessa nell'oceano. Da lì, parte dell'acqua evapora e può poi alimentare nuovamente la criosfera sotto forma di neve. A lungo termine e in un clima stabile, si stabilisce un equilibrio con riserve di neve e ghiaccio stabili. Se questo equilibrio è disturbato, ad esempio dal riscaldamento su lungo termine,  le riserve continentali di neve e ghiaccio possono diminuire e l'acqua di fusione aggiuntiva può contribuire all'innalzamento del livello del mare. Un'eccezione è lo scioglimento del ghiaccio marino, che non porta ad un aumento diretto del livello del mare poiché il ghiaccio galleggiante ha lo stesso volume che il suo possibile apporto di acqua di fusione.

 

Cambiamenti passati

Il SROCC dimostra ora chiaramente che lo squilibrio descritto è effettivamente reale. Il riscaldamento globale dalla metà del XIX secolo ha portato ad un calo significativo dei volumi globali di neve e ghiaccio e ad un aumento delle temperature del permafrost. Oggi, lo scioglimento della neve e delle masse di ghiaccio sono la causa principale dell'innalzamento del livello globale del mare. Questo è aumentato di circa +19 cm dal 1900, anche se l'aumento ha subito una forte accelerazione negli ultimi decenni. Anche il ghiaccio marino artico è in ritirata. Nel frattempo, anche le masse oceaniche si sono notevolmente riscaldate e risultano essere sempre più acidificate, a causa dell'assorbimento di parte delle emissioni di CO2 antropogeniche.

Cosa aspettarsi dal futuro?

In futuro, alcune di queste tendenze osservate continueranno ad intensificarsi. Se le emissioni di gas serra continueranno ad essere elevate, i ghiacciai del mondo perderanno più del 30% della loro massa attuale entro la fine del secolo. Nelle regioni alle medie latitudini con superfici ghiacciate ridotte, come le Alpi, la perdita di massa sarà superiore all'80%. La copertura nevosa stagionale diminuirà significativamente, soprattutto nelle regioni a bassa quota, e il ghiaccio del Mar Glaciale Artico continuerà a ritirarsi in modo significativo. Sia l'Antartico che la Groenlandia perderanno significativamente in massa e contribuiranno in gran parte al previsto innalzamento globale del livello del mare di +84 cm entro il 2100. Nel periodo successivo al 2100, l'innalzamento del livello del mare sarà superiore a un metro.

Le misure di protezione del clima previste dall'accordo di Parigi (che limita il riscaldamento globale al di sotto dei 2°C rispetto all'epoca preindustriale) possono nella maggior parte dei casi ridurre l'entità dei cambiamenti previsti e i rischi associati.

Cosa significa questo per la Svizzera?

Il futuro climatico della Svizzera è stato esaminato in dettaglio negli scenari climatici CH2018 , recentemente pubblicati. Se le emissioni di gas a effetto serra non diminuiranno, la Svizzera si riscalderà di ulteriori +3,3 / +5,4 °C entro la fine del XXI secolo, con evidenti conseguenze per la copertura di neve e ghiaccio. Nelle regioni di bassa quota, il manto nevoso invernale si ridurrà di oltre il 50% e la maggior parte dei ghiacciai alpini scomparirà. Le misure di protezione del clima previste dall'accordo di Parigi possono ridurre i cambiamenti previsti fino a due terzi.

Gli effetti del cambiamento climatico nella regione alpina, e in particolare in Svizzera, nonché le possibilità di adattamento a tale cambiamento sono attualmente oggetto di un'analisi dettagliata in diversi programmi di ricerca. Inoltre, la manifestazione Klimarunde dell'ETH (23 ottobre 2019) e l'High Mountain Summit dell'Organizzazione meteorologica mondiale (OMM; 29-31 ottobre 2019) si occuperanno in modo approfondito dei cambiamenti climatici e delle loro conseguenze per le regioni di alta montagna.

 

Commenti (4)

  1. Franco, 7.10.2019, 07:24

    Salve, bell'articolo!
    Fareste una volta anche un articolo sull'andamento dei ghiacciai nei secoli passati? Girano voci che tantissime misurazioni vengono fatte solo dagli anni '80 perché da lì la temperatura sale, ma prima c'erano anche periodi più caldi.
    Ci sono foto di ghiacciai alpini inesistenti negli anni '30 se ricordo bene, che oggi invece abbiamo e si stanno "di nuovo" ritirando.
    Anche per l'antartico girano voci contradditorie, certi dicono che è in ritiro altri dicono che secondo le misurazioni sia cresciuto, tipo del 4,5% in 5 anni...dovrei andare a ricercare.
    Immagino che voi abbiate diverse fonti affidabili per queste informazioni, e non solo una, vero? Mi correggete con le informazioni che avete?
    Buona giornata a tutti!

  2. Chiara, 7.10.2019, 01:24

    D'istinto mi è venuto da pensare 'prospettiva agghiacciante' ma anche qui il termine è diventato fuori luogo. Mantenere il ghiaccio è essenziale...

  3. Giorgio, 5.10.2019, 09:27

    Tralascio i complimenti di cui le vostre bacheche saranno ormai traboccanti: la bellissima foto di apertura ritrae il grande ghiacciaio di Aletsch ripreso dalla fiancata del Bettmerhorn ? Ricordo bene ?

    1. MeteoSvizzera, 7.10.2019, 07:43

      Esatto.