Calendario dell’Avvento 2018

13 dicembre 2018, 12 Commenti
Temi: Tempo

Anche quest’anno il cielo ci ha offerto molteplici scenari fotogenici. I nostri collaboratori e testimoni oculari hanno selezionato per voi le migliori foto a carattere meteorologico. Desideriamo accompagnarvi nel periodo dell’Avvento con alcuni scatti spettacolari di fenomeni meteorologici e di nubi, ma anche con immagini di ambienti sereni. Vi auguriamo buone Feste!

1 dicembre 2018

Visione ingrandita: Inizio dell’anno con il botto. Gli spruzzi del lago di Zugo sferzato dalla tempesta sorvolano il lungolago per diversi metri. Scatto del 3 gennaio 2018 in occasione della tempesta Burglind. Foto: Andreas Hostettler.
Inizio dell’anno con il botto. Gli spruzzi del lago di Zugo sferzato dalla tempesta sorvolano il lungolago per diversi metri. Scatto del 3 gennaio 2018 in occasione della tempesta Burglind. Foto: Andreas Hostettler.

Il mattino del 3 gennaio 2018 la tempesta Burglind (chiamata anche Eleanor) ha interessato gran parte della Svizzera. Burglind è risultata la tempesta più forte da Lothar nel 1999, causando venti tempestosi in particolare sull’Altopiano e nel Giura. In pianura le raffiche hanno raggiunto velocità fra i 90 e i 130 km/h, mentre in montagna si sono misurate raffiche fra 140 e 170 km/h, con massimi di 200 km/h nelle zone più esposte. La Valle del Rodano, il nord e centro dei Grigioni sono stati toccati solo marginalmente, mentre il sud delle Alpi è stato in gran parte risparmiato.

 

2 dicembre 2018

Le onde di Kelvin-Herlmholtz si formano generalmente al confine fra due masse d’aria differenti. In questo caso le onde di Kelvin-Herlmoholtz si sono formate in corrispondenza della tropopausa, lo strato limite fra la troposfera (lo strato dove si verificano fra l’altro la maggior parte dei fenomeni meteorologici) e la stratosfera (lo strato secco sopra la troposfera). La tropopausa si trova, a dipendenza della situazione meteorologica e della latitudine, ad una quota fra circa 8 e 15 km. Nell’immagine sono ben visibili gli strati nuvolosi nella troposfera e l’aria secca soprastante. Un altro “ingrediente” necessario alla formazione delle onde di Kelvin-Helmholtz è il cambiamento di direzione o di forza del vento con la quota. Durante questa giornata una corrente molto forte (jet stream) era presente al livello delle nubi, mentre appena sopra (nella tropopausa e la stratosfera) la velocità del vento subiva una rapida e forte diminuzione. Questo spiega la formazione delle onde di Kelvin-Helmholtz.

3 dicembre 2018

Visione ingrandita: Capanna dell’Oberaarjoch, il 20 agosto 2018. Sullo sfondo un cumulonembo a sud delle Alpi, mentre in primo piano aria umida e fresca tracima nella valle di Goms.  Foto: Daniel Gerstgrasser.
Capanna dell’Oberaarjoch, il 20 agosto 2018. Sullo sfondo un cumulonembo a sud delle Alpi, mentre in primo piano aria umida e fresca tracima nella valle di Goms. Foto: Daniel Gerstgrasser.

Poco prima del tramonto alcune celle temporalesche isolate si sono formate a sud delle Alpi; l’incudine della nube temporalesca era ben visibile anche oltralpe. L’incudine è la parte superiore del cumulonembo (la nuvola tipica dei temporali); essa si forma quando la nube raggiunge la tropopausa, dove l’aria umida non riesce più ad avanzare verso l’alto ed è costretta a diffondersi sui lati. Nella parte inferiore della foto il vento proveniente dalla zona del Grimsel trasporta aria fresca e umida verso la valle di Goms.

Il video seguente mostra chiaramente l’aria fresca e umida che fluisce nella valle di Goms.Video: D. Gerstgrasse

4 dicembre 2018

Un arcobaleno può essere osservato quando si ha il sole alle spalle e una nuvola di pioggia si allontana mentre viene illuminata dal sole. I colori dell’arcobaleno sono il risultato della rifrazione e della riflessione della luce solare attraverso le gocce di pioggia, chiamata a volte anche dispersione. I colori sono sempre gli stessi e appaiono sempre nello stesso ordine, dall’esterno verso l’interno: rosso, arancione, giallo, verde, blu, viola.

In un doppio arcobaleno i raggi di luce sono riflessi due volte attraverso le gocce di pioggia. I raggi di luce escono dalla goccia di pioggia con un’altra angolazione e formano il loro proprio arco che circonda il primo (arco principale). L’ordine dei colori spettrali è invertito a seguito della doppia riflessione.

In caso di forte favonio, sulla parte meridionale del Lago dei Quattro Cantoni (chiamato anche Urnersee) si formano dei mulinelli. Questi piccoli vortici di breve durata sono ben visibili attraverso la schiuma che si solleva dal lago. Durante questa giornata sono state misurate raffiche di vento di 102 km/h a Isleten e 92 km/h alla stazione di misura di Altdorf.

6 dicembre 2018

FotoI "alba ripresa": colori rossi all’alba e al tramonto sono il risultato della dispersione della luce solare da parte di molecole di gas, particelle di polvere o vapore. La luce blu (onde corte) subisce una maggiore dispersione rispetto alla luce rossa (onde lunghe), per questo durante il giorno il cielo è blu. Vicino all’orizzonte, all’alba e al tramonto, i colori rossi (onde lunghe) sono predominanti a causa del percorso più lungo attraverso l’atmosfera.

7 dicembre 2018

Visione ingrandita: Vivaci colori autunnali dei vigneti di Lavaux a Chexbres con vista sul lago Lemano nell’ottobre 2017. Foto: Lionel Peyraud.
Vivaci colori autunnali dei vigneti di Lavaux a Chexbres con vista sul lago Lemano nell’ottobre 2017. Foto: Lionel Peyraud.

Il sole splende sul vigneto di Lavaux già ben colorato, in contrasto con il blu profondo del cielo. In autunno il cielo appare particolarmente blu poiché l’aria contiene poca umidità. Poche molecole di acqua sono presenti per disperdere la luce. Quando l’aria è umida, e contiene quindi molte molecole di acqua, la luce del sole è maggiormente dispersa e appare quindi bianca. Questo è anche il motivo per cui il cielo è biancastro in caso di nebbia. Meno l’aria è umida e più il cielo è blu.

8 dicembre 2018

Visione ingrandita: Ambiente autunnale dal Säntis in direzione nord-ovest il 15 settembre 2009 alle ore 18.10. 
Foto: Heinz Graf
Ambiente autunnale dal Säntis in direzione nord-ovest il 15 settembre 2009 alle ore 18.10. Foto: Heinz Graf

Quando la radiazione diretta del sole è oscurata dalle nuvole, il sole sembra essere visibile ai bordi delle nubi. I raggi sono in seguito dispersi con un piccolo angolo dalle particelle di acqua o di pulviscolo. I raggi emergono così dall’ombra delle nuvole e si stagliano in maniera visibile. Questo è talvolta pure chiamato effetto Tyndall.

9 dicembre 2018

Dal punto di vista astronomico, l'anno 2018 è stato caratterizzato dalla più lunga eclissi lunare totale del 21° secolo. In numerose regioni svizzere le condizioni erano ottimale per osservare il fenomeno, con cieli limpidi dopo la dissipazione della nuvolosità cumuliforme in serata. Non solo si è potuta osservare la luna rosse che si trovava nell’ombra della Terra, ma anche il pianeta Marte con colorazioni particolarmente brillanti. 

10 dicembre 2018

Visione ingrandita: Atmosfera nuvolosa sopra il ghiacciaio Tsanfleuron e l'Oldenhorn con le Alpi bernesi sullo sfondo. Foto: Simona Trefalt.
Atmosfera nuvolosa sopra il ghiacciaio Tsanfleuron e l'Oldenhorn con le Alpi bernesi sullo sfondo. Foto: Simona Trefalt.

Le nubi lenticolari sopra i cumuli sullo sfondo sono chiamate pileus. Pileus è un tipo di nuvola con una superficie orizzontale a forma di cappello che si forma appena sopra una nube del tipo cumulo o cumulonembo (nuvola da temporale). I pileus si formano quando venti verticali incontrano uno strato di aria stabile in quota. L’aria ascendente si raffredda e raggiunge il punto di rugiada (condensazione). Un pileus sulla sommità di un cumulo è un segnale che un cumulonembo si sta formando, poiché il pileus si forma in caso di forti ascendenze, condizione necessaria alla formazione di un temporale.

11 dicembre 2018

Visione ingrandita: Tromba d’acqua sul lago di Zurigo il 26 agosto 2018, fotografata da Richterswil. Foto: Daniel Gerstgrasser.
Tromba d’acqua sul lago di Zurigo il 26 agosto 2018, fotografata da Richterswil. Foto: Daniel Gerstgrasser.

L’aria fredda in quota sopra il lago di Zurigo ancora mite ha portato alla formazione di una magnifica tromba d’acqua nelle prime ore del mattino. Il fenomeno è durato circa sette minuti.

Le trombe d’acqua, dall’aspetto spesso trasparente, si formano solamente con condizioni di vento calmo, con aria umida in quota (ciò che permette la condensazione all’interno del vortice il che lo rende visibile) e una grande instabilità (tipico in autunno con l’acqua dei laghi ancora mite). 

Video della tromba d’acqua sul lago di Zurigo (D. Gerstgrasser).

12 dicembre 2018

Visione ingrandita: Nuvole asperitas, tipi di altocumuli fotografati il 22 settembre 2018 sopra Svitto. 
Foto: Peter Beeler.
Nuvole asperitas, tipi di altocumuli fotografati il 22 settembre 2018 sopra Svitto. Foto: Peter Beeler.

Le asperitas sono strutture a forma di onda chiaramente visibili alla base di una nuvola. Sono disposte in maniera caotica e presentano un’organizzazione orizzontale meno marcata delle nuvole undulatus. Le nubi asperitas sono riconoscibili grazia a delle onde locali alla base della nuvola con strutture lisce o maculate. Talvolta questo dà l’impressione che si stia guardando la superficie del mare dall’aspetto rugoso. Queste strutture appaiono generalmente assieme a degli stratocumuli e degli altocumuli, cioè negli strati nuvolosi bassi o medi.

13 dicembre 2018

Visione ingrandita: Turbolenze di scia e condensazione su un aereo all’alba. Vista dal posto di osservazione di MeteoSvizzera all’aeroporto di Zurigo in direzione nord/nord-est il 19 settembre 2018. Foto: Daniel Buck.
Turbolenze di scia e condensazione su un aereo all’alba. Vista dal posto di osservazione di MeteoSvizzera all’aeroporto di Zurigo in direzione nord/nord-est il 19 settembre 2018. Foto: Daniel Buck.

Fenomeni interessanti sono stati osservati nelle prime ore del mattino del 19 settembre 2018 con l'arrivo della prima ondata di aerei dal nord. Gli atterraggi si effettuavano sulla pista 14, il cielo era limpido e l’aria in prossimità del suolo relativamente umida. Questo ha permesso a questa aria umida di condensare sulle ali dell’aereo, nelle zone di depressione e nelle turbolenze di scia che si trovano alle estremità delle ali. Un bel esempio della teoria di Bernoulli che dice che l’aria sulla parte superiore curva dell’ala deve percorrere un percorso più lungo rispetto all’aria sotto la parte inferiore piatta dell’ala. Di conseguenza la velocità dell’aria nella parte superiore è maggiore e per il principio di conservazione dell’energia ciò porta a una pressione più bassa sulla parte superiore dell’ala.

14 dicembre 2018

Visione ingrandita: Galaverna su un albero presso Ruppen (SG) il 13 gennaio 2018. Foto: Corinne Fässler.
Galaverna su un albero presso Ruppen (SG) il 13 gennaio 2018. Foto: Corinne Fässler.

La galaverna si forma grazie a un processo di sublimazione (o condensazione solida), cioè quando il vapore acqueo contenuto nell’aria si deposita su un oggetto direttamente sotto forma solida, senza passare per lo stato liquido. Per il verificarsi di questo fenomeno è necessario che l’umidità relativa dell’aria sia superiore al 90%. La galaverna si forma in particolare al limite superiore della nebbia in presenza di vento e con temperature tra -2 e -10 °C. Nella nebbia si può formare della brina quando le minuscole goccioline di acqua sospese nell’aria gelano a contatto con un oggetto.

15 dicembre 2018

Visione ingrandita:

16 dicembre 2018

Visione ingrandita:

17 dicembre 2018

Visione ingrandita:

18 dicembre 2018

Visione ingrandita:

19 dicembre 2018

Visione ingrandita:

20 dicembre 2018

Visione ingrandita:

21 dicembre 2018

Visione ingrandita:

22 dicembre 2018

Visione ingrandita:

23 dicembre 2018

Visione ingrandita:

24 dicembre 2018

Visione ingrandita:

Commenti (12)

  1. Matteo, 10.12.2018, 18:22

    Egregi signori mi poteste dire se la perturbazione del 13/14 arriva anche in Ticino grazie

    Risposte

    Rispondere a Matteo

    * Campi obbligatori

    Grazie per il contributo. Ciascun contributo viene controllato dalla redazione prima di essere attivato. La procedura può richiedere del tempo.

    Grazie per la comprensione

    Purtroppo il contributo fornitoci non ha potuto essere trasmesso. Si prega di riprovare più tardi.

    Grazie per la comprensione

    1. MeteoSvizzera, 11.12.2018, 07:20

      No, sarà attiva solo piu a sud, per noi un rientro da est con nuvolosità e qualche goccia.

  2. Massimo, 8.12.2018, 09:09

    Bello il calendario. Può essere una idea mettere all’inizio l’articolo del giorno più recente?
    Altrimenti ogni volta bisogna scorrere in giù tutti i giorni precedenti. È solo un suggerimento. Grazie

    Risposte

    Rispondere a Massimo

    * Campi obbligatori

    Grazie per il contributo. Ciascun contributo viene controllato dalla redazione prima di essere attivato. La procedura può richiedere del tempo.

    Grazie per la comprensione

    Purtroppo il contributo fornitoci non ha potuto essere trasmesso. Si prega di riprovare più tardi.

    Grazie per la comprensione

    1. Marco, 12.12.2018, 13:22

      Concordo!!

  3. mario60, 6.12.2018, 00:07

    Grazie, che avete riproposto questa splendida iniziativa che ci accompagnerà al Natale. Un cordiale augurio di Buone Feste dalla Brianza comasca.

    Risposte

    Rispondere a mario60

    * Campi obbligatori

    Grazie per il contributo. Ciascun contributo viene controllato dalla redazione prima di essere attivato. La procedura può richiedere del tempo.

    Grazie per la comprensione

    Purtroppo il contributo fornitoci non ha potuto essere trasmesso. Si prega di riprovare più tardi.

    Grazie per la comprensione

  4. angelo, 5.12.2018, 19:59

    Idea favolosissima!!! Bravi!!!

    Risposte

    Rispondere a angelo

    * Campi obbligatori

    Grazie per il contributo. Ciascun contributo viene controllato dalla redazione prima di essere attivato. La procedura può richiedere del tempo.

    Grazie per la comprensione

    Purtroppo il contributo fornitoci non ha potuto essere trasmesso. Si prega di riprovare più tardi.

    Grazie per la comprensione

  5. Simone, 1.12.2018, 22:15

    😀wooow 😊 la forza e la bellezza della natura non hanno limiti 🌀🌬🌊

    Risposte

    Rispondere a Simone

    * Campi obbligatori

    Grazie per il contributo. Ciascun contributo viene controllato dalla redazione prima di essere attivato. La procedura può richiedere del tempo.

    Grazie per la comprensione

    Purtroppo il contributo fornitoci non ha potuto essere trasmesso. Si prega di riprovare più tardi.

    Grazie per la comprensione

  6. Chiara, 1.12.2018, 16:29

    Che bella idea, grazie. Mi piace molto.

    Risposte

    Rispondere a Chiara

    * Campi obbligatori

    Grazie per il contributo. Ciascun contributo viene controllato dalla redazione prima di essere attivato. La procedura può richiedere del tempo.

    Grazie per la comprensione

    Purtroppo il contributo fornitoci non ha potuto essere trasmesso. Si prega di riprovare più tardi.

    Grazie per la comprensione

  7. Luc, 1.12.2018, 09:47

    Ma come mai avete dato 15 gradi a inizio novembre perché così caldo ?

    Risposte

    Rispondere a Luc

    * Campi obbligatori

    Grazie per il contributo. Ciascun contributo viene controllato dalla redazione prima di essere attivato. La procedura può richiedere del tempo.

    Grazie per la comprensione

    Purtroppo il contributo fornitoci non ha potuto essere trasmesso. Si prega di riprovare più tardi.

    Grazie per la comprensione

  8. Dario, 30.11.2018, 13:27

    Piacevole ritorno del vostro calendario dell'Avvento. Aiuta a riportare un po' di serenità in questo mondo frenetico.
    Grazie di cuore dalla Valtellina!

    Risposte

    Rispondere a Dario

    * Campi obbligatori

    Grazie per il contributo. Ciascun contributo viene controllato dalla redazione prima di essere attivato. La procedura può richiedere del tempo.

    Grazie per la comprensione

    Purtroppo il contributo fornitoci non ha potuto essere trasmesso. Si prega di riprovare più tardi.

    Grazie per la comprensione

  9. Andrea 1, 30.11.2018, 07:15

    Bravi. Il meteocalendario (dell’avvento) sta diventando una piacevole tradizione. Sicuramenre ci sarà qualcuno che avrebbe preferito un calendario dei / delle metereologhe / gi. Ma forse non è il caso di invadere i feudi di calciatori, contadini e pompieri ...
    La meteo ci ha regalato anche e soprattutto quest’anno degli stupendi scenari e fenomeni che in molti avranno immortalato cercando di cogliere l’attimo o la luce più coinvolgenti. Potrebbe essere simpatico di proporre ogni giorno, da qui al 24 di dicembre la foto più rappresentativa del giorno prima a cura, oltre che vostra anche dei lettori. Ovvio, a discrezione della giuria di Locarno Monti
    ( incontestabile). Il vostro carico di lavoro ve lo permetterebbe ? Speriamo di vedere, unitamente
    alle vostre giornaliere suggestioni anche qualche pregevole scatto. Buona giornata e grazie.

    Risposte

    Rispondere a Andrea 1

    * Campi obbligatori

    Grazie per il contributo. Ciascun contributo viene controllato dalla redazione prima di essere attivato. La procedura può richiedere del tempo.

    Grazie per la comprensione

    Purtroppo il contributo fornitoci non ha potuto essere trasmesso. Si prega di riprovare più tardi.

    Grazie per la comprensione

  10. Gio, 29.11.2018, 19:05

    Puntuali ,precisi,e competenti come sempre, foto spettacolari !!!. Buone feste anche a voi e buon lavoro !!!

    Risposte

    Rispondere a Gio

    * Campi obbligatori

    Grazie per il contributo. Ciascun contributo viene controllato dalla redazione prima di essere attivato. La procedura può richiedere del tempo.

    Grazie per la comprensione

    Purtroppo il contributo fornitoci non ha potuto essere trasmesso. Si prega di riprovare più tardi.

    Grazie per la comprensione