Ambito dei contenuti

Stati Uniti e padri fondatori della meteorologia

5 novembre 2020, 5 Commenti
Temi: Tempo

Stati Uniti in prima linea oggi, noi ci concentriamo sull'interesse per la meteorologia da parte dei padri fondatori degli USA, George Washington e Thomas Jefferson. Tra l’altro la National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAAA) quest’anno celebra il suo 50° anniversario.

Il diario di G. Washington: fonti storiche sulla meteo (1748-1799)

Già prima di essere il primo presidente degli Stati Uniti dal 1789 al 1797, George Washington redigeva dei diari per registrare i suoi viaggi, gli incontri, gli eventi specifici e ... il tempo, che annotava ogni giorno. Ecco per quale motivo.

Sviluppare la conoscenza dei diversi tipi di clima degli Stati Uniti per organizzare al meglio la redditività dell'agricoltura era per lui una necessità assoluta. Utilizzava queste conoscenze per i suoi bisogni. Infatti, quando divenne proprietario della tenuta di Mount Vernon in Virginia nel 1758, Washington decise di realizzare cinque fattorie separate e si dedicò alla loro espansione. Poco prima della sua morte, sappiamo dal suo diario che stava ancora pensando alle sue future aziende agricole e stava organizzando un piano per la rotazione delle colture.

Da questo amore per la terra è nato il suo crescente interesse per la meteorologia e la climatologia. Come agricoltore, Washington ha osservato e registrato i cambiamenti climatici e il loro impatto sui suoi raccolti.

Tutte le sue registrazioni quotidiane sono una vera e propria fonte storica del tempo che stava facendo in quel momento. I suoi strumenti per la registrazione del tempo erano pochi, ma uno in particolare era notevole: una banderuola, sopravvissuta ai venti mutevoli, che ancora oggi si trova in cima alla cupola del Monte Vernon. Ha la forma di una colomba della pace, il corpo di rame è legato con fasce di ferro. Tiene nel becco un ramo d'ulivo a forma di ferro.
 

Visione ingrandita: Fig. 1: George Washinton, Mount Rushmore.
Fig. 1: George Washinton, Mount Rushmore.

Thomas Jefferson, padre degli osservatori meteorologi

Il terzo presidente degli Stati Uniti (1801-1809), Thomas Jefferson, è sempre stato interessato alla scienza e al suo servizio alla nazione e all'umanità. Da bambino si divertiva a esplorare nuovi ambienti, la terra e le sue meraviglie naturali. Da adulto è diventato un uomo di scienza, interessato alla matematica, alla botanica, alla medicina, all'agricoltura, all'astronomia, all'etnologia e, soprattutto, alla meteorologia.

Per più di cinquant'anni è stato un osservatore meteorologico sistematico nel suo campo chiamato Monticello, in Virginia, che gli ha dato una migliore comprensione del clima americano. Molto prima del 1776, quando tenne il suo primo diario meteorologico, raccolse attentamente informazioni sul tempo in Virginia e fece le sue osservazioni a Williamsburg e Monticello.

Jefferson è andato addirittura oltre le capacità delle stazioni meteorologiche a disposizione in quel tempo, cercando di raccogliere dati sul vento e sull'umidità. Un anemometro più preciso non fu inventato prima del 1850, e l'igrometro non fu perfezionato durante la sua vita.

Mentre viveva a Parigi come ambasciatore (1785-1789), sperimentò tre diversi tipi di igrometri. Ha registrato le loro letture quotidianamente per cinque anni nella speranza di trovare uno strumento affidabile per fornire accurate osservazioni comparative. L'accumulo paziente di dettagli su quelli che egli chiamava "indici climatici" - temperatura, venti prevalenti, precipitazioni ed eventi biologici correlati, come la fioritura delle piante e la migrazione degli uccelli - doveva costituire la base di una teoria affidabile del tempo e del clima.
 

Visione ingrandita: Fig. 2: Busto di Thomas Jefferson.
Fig. 2: Busto di Thomas Jefferson.

Una tempesta di neve ben documentata!

Le storie dei padri fondatori degli Stati Uniti sono fonti documentarie davvero interessanti quando si tratta di fenomeni meteorologici. Nel 1772, furono testimoni di un'impressionante tempesta di neve.

Nel suo diario di Mount Vernon, George Washington scrisse il 26 gennaio 1772: "Brutto, freddo e nuvoloso tutto il giorno con un vento che non proviene realmente dal nord”. Il resto del suo racconto ci dice che la neve ha cominciato a cadere la notte del 27, un giorno che Washington ha descritto come "terribilmente insidioso".

Nella stessa giornata, a circa 100 chilometri a sud-ovest, proprio mentre iniziava la tempesta, Thomas Jefferson stava tornando a casa a Monticello con la sua nuova moglie. Nel suo Libro dei Giardini, ha notato che questa era "la più grande nevicata che abbiamo mai visto".

Questa famosa tempesta, che non è stata ufficialmente registrata dai servizi meteorologici, ha battuto diversi record, tra cui la tempesta di Knickerbocker, che si è verificata dal 27 al 29 gennaio 1922, uccidendo quasi 100 persone e ferendone 130. Questa tempesta è stata chiamata Washington e Jefferson e occupa un posto speciale nelle memorie meteorologiche americane.

Oggi il sogno di George Washington e Thomas Jefferson di osservare simultaneamente l'intero Paese è una realtà. La tenuta di Monticello è diventata una delle 12.000 stazioni meteorologiche che oggi sono sotto la responsabilità del servizio meteorologico nazionale. In sua memoria, il NOAAA ha nominato Thomas Jefferson una nave da ricerca idrografica che traccia le carte nautiche dell'oceano per facilitare il commercio marittimo.

Da un approfondimento di MeteoFrance
 

Commenti (5)

  1. Terry, 6.11.2020, 08:35

    Ma che interessante! Mille grazie e speriamo di leggere presto ulteriori testi come questo!

  2. LucaGuanz, 6.11.2020, 07:55

    Splendida storia. Uomini che trovavano il tempo di essere amministratori pubblici e scienziati, con un metodo ed una pazienza infinita.

  3. Chiara, 5.11.2020, 22:59

    Ci auguriamo un profondo interesse per la questione climatica dallo stesso grande paese nei prossimi scenari

  4. Giulia, 5.11.2020, 22:50

    Grazie per quanto scritto e descritto. Sempre interessante e acculturato.

    1. Flavio, 8.11.2020, 08:45

      Appassionante! Testimonianza di un'altra epoca durante la quale gli uomini politici si nutrivano non solo della politica-spettacolo.