Ambito dei contenuti

Valori climatici normali ora anche su geo.admin.ch

4 novembre 2020, 2 Commenti
Temi: Clima

Il geoportale della Confederazione (geo.admin.ch) è gestito dall'Ufficio federale di topografia swisstopo e raccoglie un gran numero di interessanti set di dati e carte relativi a molte variegate tematiche. Anche i valori climatici standard di MeteoSvizzera sono ora disponibili su map.geo.admin.ch. Ciò apre interessanti possibilità per gli utenti nel trattamento dei dati sul clima svizzero.

Media annua della durata del soleggiamento in percento del massimo possibile (norma 1981-2010).
Media annua della durata del soleggiamento in percento del massimo possibile (norma 1981-2010).

Carte interattive

Se siete interessati a dati e carte relativi ad ambiti quali natura, ambiente, popolazione o economia, il geoportale della Confederazione è ciò che fa al caso vostro. Anche MeteoSvizzera offre tutta una serie di dati tramite questo canale. Recentemente la parte della nostra applicazione dedicata ai dati di misura è stata rivista ed ampliata (vedi blog "Una scorpacciata di dati climatici"). Essa contiene ora tutta una serie di dati di misura per una vasta gamma di parametri meteorologici, che possono essere visualizzati su mappe interattive del portale map.geo.admin.ch. Questo ha due vantaggi principali

  • Zoom: Su map.geo.admin.ch è possibile ingrandire una determinata regione a scelta e ottenere così una migliore visione delle caratteristiche locali.
  • Sovrapposizione con altre mappe: Sovrapponendo più serie di dati o mappe con trasparenza, è possibile fare dei confronti o magari anche identificare delle correlazioni. Le istruzioni sono disponibili al seguente link: help.geo.admin.ch.

Valori climatici normali

MeteoSvizzera utilizza due periodi di riferimento (norma): 1981-2010 e 1961-1990. I valori normali corrispondono ai valori medi dei parametri climatici su questo periodo. Il periodo 1981-2010 è utilizzato per descrivere il clima attuale della Svizzera e a classificare gli eventi che si verificano. Ad esempio, il mese di ottobre 2020 è risultato di 1,2 °C più freddo rispetto a quanto ci si potrebbe attendere nell’attuale clima. Il periodo di riferimento attuale viene aggiornato ogni 10 anni. Il passaggio al nuovo periodo di riferimento 1991-2020 è attualmente in fase di preparazione e avverrà nel gennaio 2022. La media sul periodo 1961-1990 serve invece come periodo di riferimento per le questioni legate al cambiamento climatico ed è utilizzata, ad esempio, per mostrare l’evoluzione a lungo termine dei parametri meteorologici dall’inizio delle misurazioni.

Le mappe dei valori normali per temperatura, precipitazioni e soleggiamento sono ora pubblicate anche sul portale map.geo.admin.ch. Gli utenti hanno così a disposizione tutte le opzioni descritte sopra.

L’esempio della fig. 1 propone la sovrapposizione delle temperature medie dei periodi di riferimento 1981-2010 e 1961-1990. Fra i due periodi si può vedere un riscaldamento di poco meno di 1 grado.  Per questa rappresentazione abbiamo proceduto come segue: “Cambiare tema” – "Geocatalogo" – "Natura ed ambiente" – "Atmosfera, climatologia" – "Temperatura 1981-2010 (valori climatici normali)" nonché "Temperatura 1961-1990 (valori climatici normali)". Selezionando ora “Strumenti avanzati” + “Confrontare” appare un cursore verticale che permette, spostandosi a destro o a sinistra, di passare da una mappa all’atra. Cliccando sulla “i” vengono visualizzate ulteriori informazioni sui dati, come ad esempio la legenda dei colori.

Le stesse mappe possono essere trovate con "Cambia tema" e poi selezionando "MeteoSvizzera" e "Clima". Potete provarlo direttamente al seguente link: Sovrapposizione degli standard di temperatura.

Visione ingrandita: Fig. 1: Sovrapposizione della temperatura media annua del periodo di riferimento 1981-2010 (a sinistra fino al cursore verticale) e del periodo di riferimneto 1961-1990 (a destra). La scala dei dei colori è stata qui inserita manualmente per l’illustrazione. Dati: BAFU/EUA, MeteoSvizzera
Fig. 1: Sovrapposizione della temperatura media annua del periodo di riferimento 1981-2010 (a sinistra fino al cursore verticale) e del periodo di riferimneto 1961-1990 (a destra). La scala dei dei colori è stata qui inserita manualmente per l’illustrazione. Dati: BAFU/EUA, MeteoSvizzera

La terza figura mostra una sovrapposizione della topografia ("carta di base GIN") con la carta delle precipitazioni medie per il periodo 1981-2010, che mostra chiaramente quanto le precipitazioni in Svizzera siano determinate dalla topografia - le regioni montuose della Svizzera ricevono in genere più precipitazioni in media rispetto all'Altopiano centrale. Le principali eccezioni a questa regola sono le valli meridionali del Vallese e gran parte del Cantone dei Grigioni.

Il geoportale permette naturalmente molte altre combinazioni. Ma per questo passiamo la palla agli utenti.

Link al confronto fra i valori medi annuali dei due periodi di riferimento 1981-2010 e 1961-1990:

Le mappe mensili saranno probabilmente pubblicate su map.geo.admin.ch nel 2021.

Visione ingrandita: Fig. 3: Sovrapposizione dei quantitativi annui di precipitazione per la norma 1981-2010 con la carta topografica (carta base GIN). La scala dei colori è stata inserita manualmente per questa illustrazione. Dati: BAFU/EUA, MeteoSvizzera
Fig. 3: Sovrapposizione dei quantitativi annui di precipitazione per la norma 1981-2010 con la carta topografica (carta base GIN). La scala dei colori è stata inserita manualmente per questa illustrazione. Dati: BAFU/EUA, MeteoSvizzera

Commenti (2)

  1. Sacha, 7.11.2020, 13:58

    Davvero molto interessante come tutti i vostri blog. Ho visto le previsioni a media scadenza e vedo si prospetta un mese di novembre asciutto e mite almeno fino alla fine della seconda decade, cattivo segnale anzi cattivissimo in vista dell'inverno, stagione che in Ticino negli ultimi anni è risultata arida e mite. Solitamente piove molto in questo mese altro cattivo segnale del cambiamento climatico in corso. Da essere molto preoccupati.

  2. Massimo, 6.11.2020, 09:06

    Interessante notare come Zurigo sia poco piovosa ma poco soleggiata e Lugano risulti molto piovosa ma molto soleggiata. Decisamente più allegro Lugano con il sole e più bigio Zurigo