Ambito dei contenuti

Ancora sul gelo

7 maggio 2019, 5 Commenti
Temi: Tempo

Prendendo spunto da un commento al blog di ieri, scriviamo alcune considerazioni, andando anche a verificare le temperature misurate al suolo la notte scorsa.

Uno dei nostri lettori ha posto un’interessante domanda in merito al gelo tardivo, chiedeva se ci sono delle statistiche, degli studi inerenti a questo dannoso fenomeno. “Se è vero che il gelo invernale è diminuito, si può dire lo stesso del gelo tardivo, il più dannoso ed inutile di tutti? “

l’Istituto federale di ricerca per la foresta, la neve e il paesaggio WSL, sta effettivamente studiando questo tema.

Sembrerebbe che il rischio di gelo tardivo persista, a dispetto dello sviluppo sempre più precoce della vegetazione, legato al riscaldamento climatico in atto.

In pratica le temperature più miti alle quali reagisce una buona parte delle piante (alcune reagiscono alla durata della luce), e il rischio di gelo tardivo non sono correlati.

Nonostante si sia notata una minor frequenza di gelate tardive negli ultimi anni, queste sono ancora ben presenti. L’effetto della loro diminuzione è comunque sovrastato  dall’effetto delle temperature elevate sempre più frequenti, che  determinano uno sviluppo sempre più precoce della vegetazione.

Le temperature medie tendono a salire, ma anche le temperature estreme tendono a diventare più frequenti, sia verso l’alto che verso il basso.

L’indice di  primavera, molto legato alle temperature, mostra un andamento precoce delle fasi di sviluppo della vegetazione.
 

A Visp la notte scorsa  sono stati misurati - 9.1 °C  a 5 cm dal suolo, un valore così basso nel mese di maggio non è mai stato rilevato dall’inizio delle misurazioni automatiche. 
A Sion -5.1 °, a Stabio -2.8 °, a Grono -3-2 °.

In primavera la massa è solitamente fresca e il terreno non si è ancora riscaldato.
 

Commenti (5)

  1. Simone, 8.05.2019, 16:35

    Quindi ci sarebbe grosso modo,una regola che vale per tutte le stagioni,nel senso che tra i 2m d'altezza ,dove si misura la temperatura ufficiale e i 5 cm dal suolo ci sono circa 5°di differenza? Grazie per le vostre info 😉

    1. MeteoSvizzera, 8.05.2019, 17:35

      Purtroppo una regola è difficilmente applicabile in quanto dipende troppo da fattori esterni come presenza di vento, umidità dell'aria, umidità del terreno, tipo di terreno, presenza di nuvolosità o meno.

  2. Sonia, 8.05.2019, 15:54

    Grazie per questi dati, davvero interessanti. Mi fa molta impressione vedere sempre più le deviazioni rosse in positivo della temperatura media negli ultimi anni, sempre più marcate

  3. Giulia, 8.05.2019, 08:52

    Grazie sempre più per le notizie scritte sul vostro blog. È sempre un apprendimento interessante su fatti che non si sanno oppure che vengono dimenticate.

  4. Simone, 7.05.2019, 22:24

    A sud di Lumino invece a circa 2,5 m dal suolo ho misurato 1,9° alle ore 6.30. Sul tetto dell'auto si notava un po' di ghiaccio. Nessun danno alle culture in giardino per quanto riguarda malve e calendule. Per quanto riguarda i girasoli devo verificare. 😊