Ambito dei contenuti

Goccia fredda

28 aprile 2019, 14 Commenti
Temi: Tempo

Con traiettorie poco prevedibili e non sempre in sintonia con la circolazione principale, le gocce fredde portano notevoli contrasti nel tempo meteorologico in corso.

Si parla di goccia, ma in questo caso non è riferito ad un liquido ma invece ad un nucleo di aria fredda che è sgocciolato staccandosi da una saccatura della circolazione principale.  Sistemi relativamente piccoli e con traiettorie sibilline che portano talvolta a forte incertezza previsionale.  Il previsore ha un legame di amore e odio con la goccia fredda, la ammira per la sua potenzialità nel provocare forti contrasti nell’atmosfera, la odia per la sua difficoltà nel posizionarla esattamente, e forse la usa talvolta come scusa nel giustificare una previsione sbagliata.

 

Questa domenica invece la goccia fredda è arrivata come previsto sulla verticale della catena alpina, provocando un brusco raffreddamento in quota e al nord delle Alpi, con rovesci di neve fin verso gli 800 metri di quota.  Di conseguenza al sud delle Alpi si è instaurata una situazione favonica mitigando, in discesa verso la pianura, l’aria fredda affluita in quota.

 

Visione ingrandita: Fig. 2:  Da satellite, in colori modificati per mettere in risalto le differenti masse d’aria, la goccia fredda in arrivo sulla Svizzera, domenica 04:00 ora locale.
Fig. 2: Da satellite, in colori modificati per mettere in risalto le differenti masse d’aria, la goccia fredda in arrivo sulla Svizzera, domenica 04:00 ora locale.

Combinando degli specifici canali di misura dei satelliti meteorologici è possibile mettere in risalto le differenti masse d’aria, la goccia fredda si nota così nettamente in tonalità rosse, oltre ad essere naturalmente evidenziata dalle differenti formazioni nuvolose ai suoi margini.

 

Visione ingrandita: Fig. 3: Webcam MeteoSvizzera, Montagnola, 480 m.s.m, 09:10
Fig. 3: Webcam MeteoSvizzera, Montagnola, 480 m.s.m, 09:10

La giornata a sud delle Alpi si è rilevata in gran parte soleggiata, salvo verso le Alpi dove della nuvolosità, e qualche rovescio di neve, ha valicato la catena alpina. Nel pomeriggio sempre più nubi si sono spinte verso sud limitando il soleggiamento.  Il vento da nord ha raggiunto la pianura, restando generalmente sotto i  60 km/h di raffica massima. Se in montagna l’aria era fredda, mantenendo l’isoterma attorno ai 1800 metri di quota, il vento di caduta, per effetto favonico, ha portato le temperature in pianura fin verso i 18 gradi.

 

Visione ingrandita: Fig. 4: Webcam MeteoSvizzera, Châteaux-d’Oex, 980 m.s.m, 09:10
Fig. 4: Webcam MeteoSvizzera, Châteaux-d’Oex, 980 m.s.m, 09:10

Differente la situazione a nord delle Alpi dove le massime sono restate generalmente sotto i 10 gradi e i rovesci di neve son tornati ad imbiancare i rilievi fin verso gli 800 metri di quota.

Lasciamo transitare questa goccia fredda in attesa della prossima, con aria in quota ancor più fredda ed in arrivo sul prossimo fine settimana, ma la sua posizione resta tutta da definire nel dettaglio.

Commenti (14)

  1. Sergio, 29.04.2019, 05:12

    Queste gocce fredde possono formarsi anche in estate o fino a che mese dell'anno possono formarsi ?

    1. MeteoSvizzera, 29.04.2019, 15:39

      Il distacco dalla circolazione principale di una goccia fredda può avvenire sull'arco dell'anno, ma gli effetti sono maggiori nella stagione primaverile ed estiva, quando i contrasti termici sono maggiori. Una goccia fredda in transito durante la stagione calda, dove la massa d'aria al suolo è mite, può provocare temporali violenti, mentre minori saranno gli effetti durante l'inverno.

  2. simo, 28.04.2019, 20:29

    scusate l argomento,che non so se centra con il meteo,o forse in parte,quest 'anno non ho ancora sentito cantare il cucu,e' vero che non siamo a maggio,anche se negli ultimi anni si sentiva gia ai primi di aprile,io abito ad arogno, forse e' come dicono gli anziani del paese che meteorologicamente siamo indietro di un mese

    1. Romy, 29.04.2019, 13:29

      ciao, io posso dirti che ho sentito cantare il cucù la domenica di Pasqua e Lunedì dell'Angelo a Rovio! (e ho pensato, ma oh non siamo mica in maggio eheh)
      per contro non ho ancora visto mezzo rondone a Brione sopra Minusio, dove abito...

    2. roberto BG, 29.04.2019, 13:41

      Il Cucù (erano in 2, per la precisione...)
      cantava a Pasqua a Olmo al Brembo, in Alta Val Brembana, l'ho sentito domenica 21 aprile.
      Nei giorni successiv, però, non l'ho più sentito: vista l'aria attuale, che abbia messo di corsa il suo uovo, e magari sia già tornato in Africa...?

    3. Lorenza, 29.04.2019, 17:59

      A giubiasco si sente da 2 settimane, forse anche tre.

    4. Romy, 30.04.2019, 06:31

      Ciao, lo sto sentendo ora in diretta, martedì 30 aprile ore 06.30 a Brione s/M! ;)

  3. Sacha, 28.04.2019, 19:31

    Come al solito non si è mai contenti gocce fredde o meno c'è bisogno di scorte d'acqua in vista dell'estate e mi sembra che weekend piovosi ce ne sono stati ben pochi negli ultimi mesi quindi stia tranquillo signor Piero se ha notato ha piovuto tutta la settimana e questo weekend è stato piuttosto soleggiato non c'è ragione di lamentarsi sempre!!! Lasciamoci sorprendere dalla prossima goccia fredda seguendo i bollettini di Meteo Svizzera chissà magari risparmierà il weekend

  4. Simone, 28.04.2019, 19:29

    Allora le gocce fredde hanno qualche legame con gli uragani tropicali che possiedono traiettorie molto variabili? 😊

    1. MeteoSvizzera, 29.04.2019, 15:31

      Si e no, effettivamente la traiettoria nei due casi è slegata dalla circolazione principale, la goccia fredda però è una depressione in quota colma di aria fredda che non si manifesta necessariamente in un calo pressorio al suolo. Mentre gli uragani sono depressioni a tutti gli effetti.

  5. piero, 28.04.2019, 19:05

    Ma come sul prossimo fine settimana, ma hanno l'abbonamento del weekend queste gocce fredde?

    1. MeteoSvizzera, 28.04.2019, 19:07

      Non si preoccupi troppo, a sette giorni di scadenza tutto può ancora cambiare, anche se attualmente la situazione è questa. Seguite gli aggiornamenti nei nostri bollettini.

    2. Tiziano Tedoldi, 28.04.2019, 22:48

      Buonasera !
      Gentile signor Piero.....non ne le è bastato lo scorso inverno ancora una volta sin troppo mite e secco ?
      Che ben vengano le gocce fredde, peccato che, in genere non portino precipitazioni nel versante meridionale delle Alpi, in quanto risulta sottovento .

    3. mike, 29.04.2019, 16:20

      "L'abbonamento" mi sembra un po' troppo esagerato. Tendiamo tutti ad avere la memoria corta, ma egregio sig. Piero, quanti week end ha avuto "rovinati" negli ultimi 3 mesi? Ricordo solo tanto sole e temperature sia a febbraio che a marzo molto miti, troppo miti! E poi, come giustamente osserva il Sig. Tiziano, le gocce fredde raramente da noi creano sconquassi. Buon week end.....