Precipitazioni

Le precipitazioni comprendono i fenomeni di pioggia, neve, grandine e altre forme più rare. 

Unità di misurazione:
Le precipitazioni liquide, rispettivamente l'equivalente in acqua delle precipitazioni solide (fuse) è misurato in millimetri, dove 1 mm = 1l/m2.

1 mm di acqua corrisponde a circa 1-2 cm di neve fresca.

Differenza pioggia / rovesci

Nel bollettino meteorologico a volte è utilizzato il termine di rovesci (di pioggia) o rovesci di neve. Le caratteristiche di un rovescio sono la breve durata e una limitata area di attività. In parte possono anche portare precipitazioni intense. Al contrario, la pioggia o le nevicate sono precipitazioni di lunga durata che coprono un territorio esteso.

Nel bollettino meteorologico sono usate diverse espressioni per descrivere le precipitazioni previste:

Espressione:                                   Spiegazione:
Piogge isolate
Praticamente asciutto
Temporali isolati
Tendenza a rovesci
Un po' di pioggia possibile
Precipitazioni non estese, meno della metà del territorio è interessato.
Piogge intermittenti
Alcune nevicate
Temporalesco Piovoso
Precipitazioni
Precipitazioni estese, più della metà del territorio è toccato
Precipitazioni (in parte) abbondanti
Rovesci temporaleschi (a tratti) intensi
Precipitazioni importanti

Considerazioni sulla pioggia

Vi siete mai chiesti quanto tempo impiega un goccia di pioggia per raggiungere il suolo oppure qual è il luogo più umido al mondo? Ecco qui di seguito alcune risposte.

Articolo originale MetOffice

La pioggia fantasma

In determinate condizioni la pioggia può cadere dal cielo senza mai raggiungere il suolo. Questo si produce quando la pioggia che cade da una nube evapora o passa dallo stato solido a quello gassoso (sublimazione) nell’approssimarsi alla superficie della terra. Il fenomeno  è conosciuto con il nome di “virga” e assume l’aspetto di filamenti che scendono da certi tipi di nuvole, fra le quali i cirrocumuli, altocumuli, stratocumuli o cumuli.

Nuvole

Descrizione dei diversi tipi di nuvole.

E’ meglio correre o camminare sotto la pioggia?

Vi è forse già capitato di farvi sorprendere dalla pioggia ed esservi chiesti se fosse meglio correre per fuggire dalla pioggia oppure se la corsa vi avrebbe fatto inzuppare più velocemente che non la camminata?

Recenti ricerche suggeriscono che non vi è una risposta semplice a questo quesito. Diversi e variegati sono i fattori che entrano in gioco, quali ad esempio la direzione del vento, la dimensione delle gocce di pioggia e il rapporto fra l’altezza e lo “spessore” dell’individuo.

Il professor Bocci, che ha effettuato e pubblicato la ricerca nel "Journal of European Physics", è comunque arrivato alla conclusione che “in generale la miglior cosa è di correre più veloce che si può – non sempre, ma in generale”.

La pioggia ha un odore

Quando le gocce di pioggia cadono su un suolo polveroso o argilloso, intrappolano piccole bolle d’aria sulla superficie, che saranno in seguito proiettate verso l’alto – come in un bicchiere di Champagne – e che scoppiando proietteranno nell’aria degli aerosol il cui odore verrà distribuito nell’aria dal vento. Il fenomeno responsabile dell’odore famigliare della pioggia è chiamato "petrichor".

La forma delle gocce di pioggia

Le gocce di pioggia sono generalmente rappresentate sotto forma di una lacrima, ma in realtà la loro forma è ben diversa.

Quando si formano nell’alta atmosfera, le gocce hanno una forma sferica: le molecole di acqua sono legate e sono tenute assieme dalla tensione superficiale.  Quando poi cominciano a cadere, la loro forma cambia siccome esse urtano altre gocce e la resistenza dell’aria appiattisce il fondo delle gocce, che assumono una forma ovale.

Raindrop falling by Alistair McClymont

Quanto tempo impiega una goccia per raggiungere il suolo?

E’ difficile dare una cifra esatta, siccome l’altezza dalla quale una goccia cade e la sua taglia possono variare di molto. Ma se si stima che le gocce di pioggia cadono in media ad una velocità di 22-23 km/h e che la base delle nubi si situa verso 800 metri, la goccia impiegherà circa 2 minuti per toccare il suolo.

Grosse gocce d’acqua possono raggiungere velocità attorno ai 30 km/h, mentre gocce molto piccole possono rimanere in viaggio per 7 minuti.

Qual’è il lugo più umido al mondo?

Il titolo di luogo più umido del mondo è attribuito a Mawsynram nello Stato del Maghalaya in India. Qui si registra una media sorprendente di 11917 mm di pioggia all’anno. A titolo di paragone, in Svizzera a Ackersand in Vallese, piovono in media 545 mm all’anno, e sul Säntis 2837 mm.

Il motivo di questi elevati quantitativi di pioggia è la vicinanza al Golfo di Bengal, così come la sua posizione elevata, a 1400 m s.l.m. nelle "Garo Hills", a sud dell’Himalaya. La catena montuosa crea un effetto di sbarramento che blocca i monsoni provenienti da sud-ovest, provocando enormi quantitativi di precipitazioni sul villaggio. Gli abitanti portano una sorta di cappello in bambù a forma di conchiglia che li protegge dalla pioggia.

Estremi meteorologici in Svizzera

I valori record mettono in evidenza il margine di fluttuazione del clima. MeteoSvizzera pubblica i valori estremi di temperatura, precipitazioni e...

Ulteriori informazioni

Link