Allerta via radio e TV in caso di gravi pericoli naturali

Data di pubblicazione 18 agosto 2010
Temi Chi siamo
Pericoli
Tempo
Tipo di comunicazione Comunicato stampa

Berna, 18.08.2010 - In futuro gli organi federali responsabili informeranno la popolazione via radio e televisione sui gravi pericoli naturali incombenti. Il 18 agosto 2010, il Consiglio federale ha infatti approvato una revisione totale dell'Ordinanza sull'allarme. Per l'allerta sui pericoli naturali verrà quindi introdotto il principio della "Single Official Voice". In caso d?evento gli organi federali competenti collaboreranno strettamente. L'Ufficio federale della protezione della popolazione UFPP si occuperà della trasmissione coordinata dei comunicati d'allerta ufficiali della Confederazione.

Il maltempo e le alluvioni degli ultimi anni hanno evidenziato la necessità di informare meglio la popolazione su simili eventi estremi. In futuro, la Confederazione diffonderà l'allerta non solo alle autorità, ma anche alla popolazione minacciata in caso di un pericolo "elevato" o "molto elevato". Ciò corrisponde ai livelli 4 e 5 della scala definita in modo unitario e provvista di cinque livelli d'allerta. L'obiettivo è indurre la popolazione a proteggersi meglio da pericoli naturali ravvisabili, in modo da evitare o limitare i danni a persone e cose. Nella giornata odierna il Consiglio federale ha perciò approvato la revisione totale dell'Ordinanza sull'allerta e l'allarme (Ordinanza sull'allarme, OAll).

Introduzione della "Single Official Voice"

Dal 1° gennaio 2011, l'allerta concernente i pericoli ravvisabili viene diffusa sotto forma di comunicati standard e facilmente comprensibili. Questi vengono coordinati tra gli organi specializzati competenti ("Single Voice") e contrassegnati in modo inequivocabile come comunicati d'allerta ufficiali della Confederazione ("Official Voice"). I comunicati d'allerta destinati alla popolazione vengono inoltre coordinati, per quanto concerne il contenuto e l'ordine cronologico, con quelli destinati alle autorità.

Essi vengono diffusi alla popolazione via radio e televisione. Un'aggiunta all'Ordinanza sulla radiotelevisione (ORTV) prevede infatti che la SSR e le emittenti radiofoniche e televisive commerciali concessionarie siano tenute a diffondere rapidamente e senza modifica i comunicati d'allerta della Confederazione.

Migliore collaborazione tra le autorità federali

A dipendenza del pericolo imminente, la responsabilità compete ai seguenti organi specializzati della Confederazione. L'Ufficio federale di meteorologia e climatologia (MeteoSvizzera) dà l'allerta in caso di fenomeni meteorologici pericolosi, l'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM) in caso di alluvioni, smottamenti correlati e incendi boschivi e l'Istituto federale per lo studio della neve e delle vacanze (SNV) in caso di pericolo di valanghe. Il Servizio sismologico svizzero (SSS) trasmette le notifiche di terremoto. In caso di eventi che concernono più organi specializzati, verranno diffusi comunicati d'allerta congiunti. Lo Stato maggiore specializzato Pericoli naturali, che il Consiglio federale ha istituito il 26 maggio 2010, si occupa del coordinamento tecnico.

La Centrale nazionale d?allarme (CENAL) dell?Ufficio federale della protezione della popolazione (UFPP) è la piattaforma che provvede alla trasmissione rapida e coordinata dei comunicati d?allerta ai media soggetti all?obbligo di diffusione.

La revisione totale dell?Ordinanza sull?allarme rientra nel pacchetto di misure deciso nel 2007 dal Consiglio federale per concretizzare il progetto OWARNA (perfezionamento del sistema d?allerta e d?allarme in caso di pericoli naturali ). La revisione mette inoltre in atto la mozione Wyss, deferita dal Consiglio nazionale il dicembre 2005 e dal Consiglio degli stati il 25 settembre 2006. L'ordinanza entrerà in vigore il 1° gennaio 2011.