Rete pluviometrica manuale

Oltre alla rete pluviometrica automatica, MeteoSvizzera dispone di una rete di rilevamento manuale delle precipitazioni. Questa rete conta più di 300 postazioni, molto importanti dal punto di vista climatologico per le loro serie di dati pluriennali. Nelle aree di difficile accesso in alta montagna si utilizzano circa 50 totalizzatori che rilevano i quantitativi di precipitazione sull’arco di un anno.

Poiché le precipitazioni sono una grandezza meteorologica estremamente variabile nello spazio e nel tempo, la rete di rilevamento deve essere particolarmente fitta. Oltre alle misurazioni automatiche effettuate ogni dieci minuti, esistono anche letture giornaliere del quantitativo di precipitazione. Le stazioni della rete pluviometrica manuale sono molto importanti dal punto di vista climatologico: infatti molte di queste postazioni di misurazione esistono da molti decenni. Esse sono particolarmente utili per le statistiche pluriennali. In alta montagna le misurazioni sono effettuate mediante totalizzatori; questi dati sono per lo più rilevati solo una volta all’anno.

Poiché vi è una crescente necessità di misurazioni in tempo reale nelle ubicazioni particolarmente importanti della rete, si installano strumenti di misura per il rilevamento automatico delle precipitazioni, che in seguito sono gestiti nel quadro della rete SwissMetNet, la rete di rilevamento al suolo svizzera.

La rete pluviometrica a lettura giornaliera

In primo piano un pluviometro, sullo sfondo i boschi e le montagne innevati
Pluviometro per la misurazione dei quantitativi di precipitazione solida e liquida.

In queste stazioni il quantitativo di precipitazione è letto quotidianamente. Gli osservatori rilevano i dati ogni mattina alle ore 7.30 e li inviano per SMS a MeteoSvizzera, dove sono immediatamente caricati nella Data Warehouse. Si misurano e osservano:

  • i quantitativi di precipitazione delle ultime 24 ore in mm;
  • l’altezza della neve fresca delle ultime 24 ore in cm;
  • l’altezza complessiva della neve in cm;
  • il tipo e l’intensità delle precipitazioni;
  • il grado di copertura nuvolosa del cielo;
  • i dati della rete di totalizzatori, che sono letti una volta all’anno.

La rete di pluviometri totalizzatori a lettura annuale

Addetto alla stazione intento a vuotare il totalizzatore e sullo sfondo le vette che emergono dal mare di nebbia.
Vuotamento di un totalizzatore in alta montagna alla fine di settembre

I totalizzatori sono utilizzati soprattutto nelle regioni remote in alta montagna per rilevare i quantitativi di precipitazione sull’arco di un anno. In alcuni casi le misurazioni avvengono con scadenza semestrale. Si misurano i quantitativi di precipitazione caduta dalla fine di settembre alla fine di settembre dell’anno successivo (anno idrologico). Dopo la misurazione annuale i totalizzatori sono vuotati, puliti e riempiti con una quantità prestabilita di acqua, cloruro di calcio (antigelo) e olio di paraffina (impedisce l’evaporazione).

Elenco e carta delle postazioni

Le ubicazioni esatte in cui i quantitativi di precipitazione sono rilevati manualmente possono essere consultate sotto forma di elenco o attraverso la carta della Svizzera:

Ulteriori informazioni