Completata la rete di radar meteorologici della Svizzera

Data di pubblicazione 9 febbraio 2016
Temi Sistemi di rilevamento e previsione
Tipo di comunicazione Comunicato stampa

Tutti conosciamo le immagini con le zone di precipitazione fornite dai radar di MeteoSvizzera. Esse diventano ora ancora più dettagliate grazie ad nuovo radar meteorologico situato nei Grigioni. L’Ufficio federale di meteorologia e climatologia MeteoSvizzera mette oggi in funzione il quinto radar meteorologico sulla vetta della Weissfluh (2850 m slm). L’impianto, altamente specializzato e localizzato sopra Davos, completa l’attuale rete svizzera dei radar e consentirà di emettere allerte più dettagliate per le precipitazioni e i temporali nelle regioni orientali delle Alpi svizzere.

In qualità di servizio meteorologico e climatologico nazionale, MeteoSvizzera gestisce, sviluppandola continuamente, una rete di radar meteorologici all’avanguardia. La rete radar sorveglia in modo capillare, 24 ore su 24, automaticamente e in tempo reale precipitazioni, temporali, grandine e neve. Fra cui, dunque, fenomeni che, come le precipitazioni forti e i temporali, possono provocare inondazioni e smottamenti.

Un elemento importante in caso di allerte meteo

L’integrazione del quinto radar nella rete svizzera migliora ulteriormente il rilevamento delle precipitazioni e l’emissione delle allerte in caso di forti piogge, temporali e piene nell’area alpina. Il nuovo impianto aumenta sia la qualità dei dati sulle precipitazioni nelle Alpi sia la loro disponibilità su tutto il territorio svizzero qualora uno degli altri quattro radar meteorologici esistenti dovesse subire un guasto.

Dietro le immagini delle precipitazioni di MeteoSvizzera si cela ora una rete di cinque impianti radar. I tre “storici” impianti radar sull’Albis (per la Svizzera settentrionale), sul Monte Lema (per il versante sudalpino) e su La Dôle (per la Svizzera occidentale), che sono stati di recente modernizzati, coprono gran parte del territorio svizzero, ma non sono sufficienti per rilevare in modo dettagliato le precipitazioni e i temporali nelle zone interne delle Alpi. Per tale ragione, dal 2014 la rete radar è stata ampliata con due nuovi impianti, situati in alta montagna: sulla Pointe de la Plaine Morte in Vallese e sulla vetta della Weissfluh nei Grigioni (nel comune di Arosa). Nella regione alpina le misurazioni sono pertanto effettuate da strumenti localizzati proprio nel cuore delle Alpi e con una maggiore risoluzione.

Messa in funzione in tempi record

Grazie al grande impegno e all’efficace lavoro di squadra di tutti partner coinvolti, il nuovo impianto ha potuto essere installato prima del previsto e messo in funzione oggi. I lavori di scavo, la gettata delle fondamenta, la costruzione della torre radar, la predisposizione degli spazi interni e l’installazione delle apparecchiature tecniche sono stati effettuati nel giro di 20 mesi. Si sono conclusi anche la calibrazione dei sistemi e i test di accettazione.

A chi servono i dati radar?

Le informazioni radar sono utili non solo a MeteoSvizzera in qualità di servizio meteorologico nazionale, ma servono anche alle autorità competenti per decidere in merito alla protezione contro le piene e della popolazione, nonché alla sicurezza aerea. Le informazioni costituiscono una base essenziale per l’emissione delle allerte e l’elaborazione delle previsioni. Sono inoltre utilizzate da servizi meteorologici privati e da numerosi settori quali ad esempio le assicurazioni, il turismo e dal mondo della ricerca scientifica. La popolazione svizzera riceve tutte le informazioni radar attraverso l’app di MeteoSvizzera.

A differenza dei paesi caratterizzati da un’orografia molto pianeggiante come ad esempio i Paesi Bassi, la Svizzera con le sue numerose montagne rappresenta una sfida per il rilevamento delle precipitazioni tramite i radar. Le vallate interne delle Alpi, circondate da alte montagne, si trovano nelle cosiddette zone d’ombra: i segnali emessi dai radar non riescono a spingersi fino a queste regioni e da essi non riceviamo informazioni sulle precipitazioni. Con i due nuovi impianti radar in Vallese e nei Grigioni la copertura della regione alpina è migliorata in modo significativo e il problema delle zone d’ombra radar è stato attenuato.

Contatto

MeteoSvizzera, Comunicazione
media@meteosvizzera.ch
Tel. +41 58 460 97 00.

Ulteriori informazioni